Differenze tra le versioni di "Delfi"

m (Sostituzione testo - '|specificità=Città' con '|specificità=Città |sub=-')
 
(4 versioni intermedie di uno stesso utente non sono mostrate)
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=Pito
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Neutro
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Luoghi
 +
|sottotipologia=Costruzioni
 +
|specificità=Città
 +
|sub=-
 +
|indole=-
 +
|aspetto=-
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=-
 +
}}
 +
 
Città della [[Focide]], sulla pendice meridionale del [[Parnaso]], in una valle semicircolare, dove si trovava un antico santuario di [[Apollo]], fondato dai [[Dori]], mentre la città sarebbe stata edificata dall'eroe [[Delfo]]. Era il  più famoso santuario greco, dove veniva reso l'oracolo della [[Pizia]], lì si radunavano anche le anfizionie e si celebravano i giochi pitici. A Delfi si trovavano anche la fonte [[Castalia]] e la grotta [[Coricia]]. L'oracolo era sopra una fenditura del suolo, da cui uscivano vapori inebrianti; a lato era un tripode con sopra una piastra, sulla quale sedeva la sacerdotessa vaticinante, detta [[Pizia]]. Coloro che interrogavano l'oracolo portavano doni al tempio, e cinti di corone d'alloro e di bende di lana offrivano sacrifici al Dio; poi la Pizia, dopo lavacri e purificazioni preparatorie, saliva sul tripode ed esponeva il vaticinio in versi, di solito ambigui e oscuri. Sul tempio era scritta la massima "Conosci te stesso", e nell'interno vi erano 3000 statue d'oro.  
 
Città della [[Focide]], sulla pendice meridionale del [[Parnaso]], in una valle semicircolare, dove si trovava un antico santuario di [[Apollo]], fondato dai [[Dori]], mentre la città sarebbe stata edificata dall'eroe [[Delfo]]. Era il  più famoso santuario greco, dove veniva reso l'oracolo della [[Pizia]], lì si radunavano anche le anfizionie e si celebravano i giochi pitici. A Delfi si trovavano anche la fonte [[Castalia]] e la grotta [[Coricia]]. L'oracolo era sopra una fenditura del suolo, da cui uscivano vapori inebrianti; a lato era un tripode con sopra una piastra, sulla quale sedeva la sacerdotessa vaticinante, detta [[Pizia]]. Coloro che interrogavano l'oracolo portavano doni al tempio, e cinti di corone d'alloro e di bende di lana offrivano sacrifici al Dio; poi la Pizia, dopo lavacri e purificazioni preparatorie, saliva sul tripode ed esponeva il vaticinio in versi, di solito ambigui e oscuri. Sul tempio era scritta la massima "Conosci te stesso", e nell'interno vi erano 3000 statue d'oro.  
  
Riga 6: Riga 32:
 
[[Categoria:Mediterraneo]]
 
[[Categoria:Mediterraneo]]
 
[[Categoria:Grecia]]
 
[[Categoria:Grecia]]
 +
[[Categoria:Sesso: Neutro]]
 
[[Categoria:Luoghi]]
 
[[Categoria:Luoghi]]
 +
[[Categoria:Costruzioni]]
 
[[Categoria:Città]]
 
[[Categoria:Città]]

Versione attuale delle 14:46, 22 mar 2020

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: Pito
Etimologia: -
Sesso: Neutro
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Luoghi
Sottotipologia: Costruzioni
Specificità: Città
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: -
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: -
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: -

Città della Focide, sulla pendice meridionale del Parnaso, in una valle semicircolare, dove si trovava un antico santuario di Apollo, fondato dai Dori, mentre la città sarebbe stata edificata dall'eroe Delfo. Era il più famoso santuario greco, dove veniva reso l'oracolo della Pizia, lì si radunavano anche le anfizionie e si celebravano i giochi pitici. A Delfi si trovavano anche la fonte Castalia e la grotta Coricia. L'oracolo era sopra una fenditura del suolo, da cui uscivano vapori inebrianti; a lato era un tripode con sopra una piastra, sulla quale sedeva la sacerdotessa vaticinante, detta Pizia. Coloro che interrogavano l'oracolo portavano doni al tempio, e cinti di corone d'alloro e di bende di lana offrivano sacrifici al Dio; poi la Pizia, dopo lavacri e purificazioni preparatorie, saliva sul tripode ed esponeva il vaticinio in versi, di solito ambigui e oscuri. Sul tempio era scritta la massima "Conosci te stesso", e nell'interno vi erano 3000 statue d'oro.