Corebo



				

				

Figlio del re di Frigia Migdone e di Anassimene, era uno dei pretendenti alla mano di Cassandra: partecipò alla guerra di Troia in difesa degli assediati.

Indice

[modifica] La morte

Corebo fu ucciso la notte della caduta di Troia nel tentativo di liberare l'amata dalle grinfie di Aiace d'Oileo: secondo alcuni morì per mano di Neottolemo, secondo altri, tra cui Virgilio, il suo assassino fu Peneleo.


" Ci sommergono subito col numero; e per primo Corebo
soccombe per mano di Peneleo vicino all'ara della dea
possente nell'armi "

(Virgilio, Eneide)

[modifica] Bibliografia

[modifica] Fonti antiche

Per visualizzare le fonti antiche su Corebo vai a FontiAntiche:Corebo

[modifica] Fonti moderne

Per visualizzare le fonti moderne su Corebo vai a FontiModerne:Corebo