Atena

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
(Nuova pagina: Figlia di Zeus, nacque dal suo capo tutta armata, quando il dio ebbe inghiottito la sua prima moglie Metide. Prudenza e forza erano le sue due caratteristiche. Dea della guerra...)
Riga 1: Riga 1:
-
Figlia di [[Zeus]], nacque dal suo capo tutta armata, quando il dio ebbe inghiottito la sua prima moglie [[Metide]]. Prudenza e forza erano le sue due caratteristiche. Dea della guerra dell'intelligenza, protettrice delle città e specialmente di Atene. Era anche la dea delle arti e della scienza. Insegnò ai cittadini a domare i tori, inventò l'aratro e l'arte del fuoco, insegnò a filare, a tessere, a tingere. Era venerata in moltissime città, e in suo onore si celebravano molte feste, come le [[Panatenee]] e le [[Erreforie]]. Sul capo portava l'elmo con un occhio (aulopide), sul petto l'egida coi serpenti nell'orlo e nel mezzo la testa della [[Medusa]]. Era armata di lancia, e animali a lei sacri erano la civetta e il gallo. I romani la chiamarono [[Minerva]].
+
[[Immagine:Atenabotticelli.jpg|thumb|250 px|right|Botticelli, Pallade doma un Centauro – 1482/83]] Figlia di [[Zeus]], nacque dal suo capo tutta armata, quando il dio ebbe inghiottito la sua prima moglie [[Metide]]. Prudenza e forza erano le sue due caratteristiche. Dea della guerra dell'intelligenza, protettrice delle città e specialmente di Atene. Era anche la dea delle arti e della scienza. Insegnò ai cittadini a domare i tori, inventò l'aratro e l'arte del fuoco, insegnò a filare, a tessere, a tingere. Era venerata in moltissime città, e in suo onore si celebravano molte feste, come le [[Panatenee]] e le [[Erreforie]]. Sul capo portava l'elmo con un occhio (aulopide), sul petto l'egida coi serpenti nell'orlo e nel mezzo la testa della [[Medusa]]. Era armata di lancia, e animali a lei sacri erano la civetta e il gallo. I romani la chiamarono [[Minerva]].
[[Categoria:Mitologia Greca]]
[[Categoria:Mitologia Greca]]

Versione del 11:42, 10 gen 2009

Immagine:Atenabotticelli.jpg
Botticelli, Pallade doma un Centauro – 1482/83
Figlia di Zeus, nacque dal suo capo tutta armata, quando il dio ebbe inghiottito la sua prima moglie Metide. Prudenza e forza erano le sue due caratteristiche. Dea della guerra dell'intelligenza, protettrice delle città e specialmente di Atene. Era anche la dea delle arti e della scienza. Insegnò ai cittadini a domare i tori, inventò l'aratro e l'arte del fuoco, insegnò a filare, a tessere, a tingere. Era venerata in moltissime città, e in suo onore si celebravano molte feste, come le Panatenee e le Erreforie. Sul capo portava l'elmo con un occhio (aulopide), sul petto l'egida coi serpenti nell'orlo e nel mezzo la testa della Medusa. Era armata di lancia, e animali a lei sacri erano la civetta e il gallo. I romani la chiamarono Minerva.