Differenze tra le versioni di "Andropono"

Riga 1: Riga 1:
Soldato cristiano, di origine greca, accorso, assieme con molti altri, in aiuto di [[Carlo Magno]], assediato a Parigi dai Mori di [[Agramante]]. Diventa amico di due commilitoni, il tedesco [[Conrado]] e il malnoto [[Grillo]]. I tre vengono uccisi nella loro tenda, mentre dormono ubriachi, dal saraceno [[Cloridano]], che ha fatto un'irruzione notturna nel campo nemico alla ricerca del corpo del suo re [[Dardinello]], da poco caduto in combattimento. Il primo a morire è Grillo, decapitato mentre dorme appoggiato a un barile di vino da lui interamente svuotato: Andropono e Conrado vengono sorpresi giacenti presso il tavolo da gioco, avendo essi alternato i piaceri della tavola coi dadi. Questa vicenda è narrata nel diciottesimo canto dell'Orlando Furioso di Ludovico Ariosto, che ha preso a modello l'episodio dell'Eneide in cui Niso, entrato nel campo dei Rutuli addormentati, taglia la testa, tra gli altri, al giovinetto [[Serrano]], addormentatosi dopo aver trascorso gran parte della notte a bere e a giocare. Nell'Orlando Furioso però i guerrieri amanti del gioco sono due, Andropono e Conrado, e il poeta non li fa morire decapitati, che è quanto invece accade a Grillo.
+
Soldato cristiano, di origine greca, accorso, assieme con molti altri, in aiuto di [[Carlo Magno]], assediato a Parigi dai Mori di [[Agramante]]. Diventa amico di due commilitoni, il tedesco [[Conrado]] e il malnoto [[Grillo]]. I tre vengono uccisi nella loro tenda, mentre dormono ubriachi, dal saraceno [[Cloridano]], che ha fatto un'irruzione notturna nel campo nemico alla ricerca del corpo del suo re [[Dardinello]], da poco caduto in combattimento. Il primo a morire è Grillo, decapitato mentre dorme appoggiato a un barile di vino da lui interamente svuotato: Andropono e Conrado vengono sorpresi giacenti presso il tavolo da gioco, avendo essi alternato i piaceri della tavola coi dadi. Questa vicenda è narrata nel diciottesimo canto dell' ''[[Orlando Furioso]] di [[Ludovico Ariosto]], che ha preso a modello l'episodio dell' ''[[Eneide]]'' in cui Niso, entrato nel campo dei Rutuli addormentati, taglia la testa, tra gli altri, al giovinetto [[Serrano]], addormentatosi dopo aver trascorso gran parte della notte a bere e a giocare. Nell'Orlando Furioso però i guerrieri amanti del gioco sono due, Andropono e Conrado, e il poeta non li fa morire decapitati, che è quanto invece accade a Grillo.
  
 
[[Categoria:Mitologia Carolingia]]
 
[[Categoria:Mitologia Carolingia]]
 
[[Categoria:Guerrieri]]
 
[[Categoria:Guerrieri]]
 
[[Categoria:Eroi]]
 
[[Categoria:Eroi]]

Versione delle 22:44, 23 gen 2011

Soldato cristiano, di origine greca, accorso, assieme con molti altri, in aiuto di Carlo Magno, assediato a Parigi dai Mori di Agramante. Diventa amico di due commilitoni, il tedesco Conrado e il malnoto Grillo. I tre vengono uccisi nella loro tenda, mentre dormono ubriachi, dal saraceno Cloridano, che ha fatto un'irruzione notturna nel campo nemico alla ricerca del corpo del suo re Dardinello, da poco caduto in combattimento. Il primo a morire è Grillo, decapitato mentre dorme appoggiato a un barile di vino da lui interamente svuotato: Andropono e Conrado vengono sorpresi giacenti presso il tavolo da gioco, avendo essi alternato i piaceri della tavola coi dadi. Questa vicenda è narrata nel diciottesimo canto dell' Orlando Furioso di Ludovico Ariosto, che ha preso a modello l'episodio dell' Eneide in cui Niso, entrato nel campo dei Rutuli addormentati, taglia la testa, tra gli altri, al giovinetto Serrano, addormentatosi dopo aver trascorso gran parte della notte a bere e a giocare. Nell'Orlando Furioso però i guerrieri amanti del gioco sono due, Andropono e Conrado, e il poeta non li fa morire decapitati, che è quanto invece accade a Grillo.