Aio locuzio



				

				

"Colui che parlò" ai Romani, avvisandoli dall'alto del tempio di Vesta dell'arrivo dei Galli (390 a.C.). Di lui si sentì solo la voce e fu così considerato una divinità e a lui, dopo che Camillo ebbe scacciato i Galli, fu consacrato un tempio.