Modifica di Tyr

Attenzione: non hai effettuato l'accesso. Se effettuerai delle modifiche il tuo indirizzo IP sarà visibile pubblicamente. Se accedi o crei un'utenza, le tue modifiche saranno attribuite al tuo nome utente, insieme ad altri benefici.

Questa modifica può essere annullata. Controlla le differenze mostrate sotto fra le due versioni per essere certo che il contenuto corrisponda a quanto desiderato, e quindi salvare le modifiche per completare la procedura di annullamento.
Versione attuale Il tuo testo
Riga 1: Riga 1:
{{Voce
 
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 
|nome originale=-
 
|altri nomi=-
 
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 
|etimo=-
 
|sesso=Maschio
 
|sezione=Mitologia Germanica
 
|continente=Europa
 
|area=Nordeuropa
 
|paese=Scandinavia
 
|origine=Norreni
 
|tipologia=Divinità
 
|sottotipologia=Divinità delle Attività
 
|specificità=Divinità della Guerra
 
|sub=-
 
|indole=Benevola
 
|aspetto=Antropomorfo
 
|animali=-
 
|piante=-
 
|attributi=-
 
|elemento=Fuoco
 
|habitat=Cielo
 
|ambiti=[[Elenchi:Guerra|Guerra]], [[Elenchi:Sapienza|Sapienza]]
 
}}
 
 
 
In origine dio uranico, diviene posteriormente una divinità della guerra e del diritto; è chiamato il "dio monco" perchè la sua mano fu divorata dal lupo [[Fenrir]] quando gli [[Asi]] lo incatenarono.
 
In origine dio uranico, diviene posteriormente una divinità della guerra e del diritto; è chiamato il "dio monco" perchè la sua mano fu divorata dal lupo [[Fenrir]] quando gli [[Asi]] lo incatenarono.
 
Figlio di [[Odino]] e di [[Frigg]] era dio della sapienza, della forza e della guerra, veniva identificato con [[Marte]]. Fu adorato dai Tencteri, dai Semnoni e dai Goti che pare gli sacrificassero i prigionieri, appendendo inoltre le armi prese al nemico ai rami del bosco a lui sacro. Nel VI secolo, presso gli Scandinavi, era ritenuto ancora il maggiore degli dei; poi, pian piano, perse la sua preminenza, così come l'aveva persa in Germania. Con il suo nome è stato formato il vocabolo martedì in tutte le lingue germaniche.
 
Figlio di [[Odino]] e di [[Frigg]] era dio della sapienza, della forza e della guerra, veniva identificato con [[Marte]]. Fu adorato dai Tencteri, dai Semnoni e dai Goti che pare gli sacrificassero i prigionieri, appendendo inoltre le armi prese al nemico ai rami del bosco a lui sacro. Nel VI secolo, presso gli Scandinavi, era ritenuto ancora il maggiore degli dei; poi, pian piano, perse la sua preminenza, così come l'aveva persa in Germania. Con il suo nome è stato formato il vocabolo martedì in tutte le lingue germaniche.
Riga 38: Riga 12:
 
[[Categoria:Divinità]]
 
[[Categoria:Divinità]]
 
[[Categoria:Guerra]]
 
[[Categoria:Guerra]]
[[Categoria:Divinità]]
+
 
 +
[[Categoria: Divinità]]
 
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 
[[Categoria:Indole: Benevola]]
 
[[Categoria:Indole: Benevola]]
 
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
 
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
[[Categoria:Elemento: Terra]]
+
[[Categoria:Elemento: Non specificato]]
[[Categoria:Habitat: Cielo]]
+
[[Categoria:Habitat: Non specificato]]
[[Categoria:Sapienza]]
 

Per favore tieni presente che tutti i contributi a Il Crepuscolo degli Dèi possono essere modificati, stravolti o cancellati da altri contributori. Se non vuoi che i tuoi testi possano essere alterati, allora non inserirli.
Inviando il testo dichiari inoltre, sotto tua responsabilità, che è stato scritto da te personalmente oppure è stato copiato da una fonte di pubblico dominio o similarmente libera (vedi Il Crepuscolo degli Dèi:Copyright per maggiori dettagli). Non inviare materiale protetto da copyright senza autorizzazione!

Annulla Guida (si apre in una nuova finestra)

Template utilizzato in questa pagina: