Mitologia Aborigena

Versione del 2 lug 2020 alle 17:52 di Ilcrepuscolo (discussione | contributi) (Sostituzione testo - "{{finestra|logo=Ddraig.svg|col1=#444444|col2=FFFFE6|col3=#ECEDE1|titolo=Ultime Voci|font-size=95%|contenuto= {{Portale:Mitologia Aborigena/UltimeVoci}}}} {{finestra|logo=Ddraig.svg|col1=#444444|col2=FFFFE6|col3=#ECEDE1|titolo=Piu...)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

INTRODUZIONE

Mitologia di origine protostorica elaborata dalle tribù aborigene dell'Australia. Vi sono stati molti gruppi aborigeni diversi, ognuno con una propria cultura, religione e lingua, si contano circa 200 lingue diverse al momento del contatto con gli europei. Queste culture si sovrapposero in maniera più o meno ampia e si evolsero nel tempo.

Voci presenti: 116

COSMOGONIA

Prima della comparsa dell'uomo, prima che ogni cosa fosse creata, esisteva l'Altierjinga, ovvero il “Mondo del Sogno”: un luogo misterioso che esiste fisicamente su questa terra ma che nessuno, esclusi gli Aborigeni australiani, è in grado di vedere. Secondo la ricchissima mitologia indigena, in un'epoca remotissima i Kundingas, strani esseri metà uomini e metà animali, e in particolare i Pitjantjarjiara (Uomini-lepre) e gli Yankuntjtjara (Uomini-lumaca) avevano sognato (questo verbo non ha il significato che noi gli attribuiamo ma è una via di mezzo tra creare e cantare) tutto il territorio australiano alla ricerca di fonti, di rocce, di percorsi che si sarebbero rivelati utili ai loro discendenti, che facevano nascere a migliaia dall'argilla, uno per ogni essere totemico. Mentre percorrevano il paese, lasciavano dietro di sé una scia di parole e di note musicali. Poi i Kundingas erano ripartiti, o, in alternativa, si erano addormentati all'interno di alberi e rocce, lasciando il ricordo del sogno nelle menti dei loro figli, gli Aborigeni. Il mondo del sogno si materializzò.
I sogni presero la forma di oggetti naturali e di concetti astratti, esiste così il “sogno dell'acqua”, una roccia che esprime l'essenza dell'acqua, e il sogno dell'aria, il sogno del cielo, il sogno della forza, il sogno della giustizia.
Gli Aborigeni che hanno superato un rito magico chiamato Kadajingera sono in grado di vedere questo mondo, cioè, ad esempio, di distinguere una semplice roccia da una roccia del tutto identica che è invece il sogno dell'acqua, e così via. Tutti gli Aborigeni, e persino qualche “bianco”, da loro chiamati Cumbo, sono in grado di sognare, e tutti sono legati da particolari vincoli di parentela, completamente diversi da quelli che noi concepiamo: un Aborigeno (e quindi anche un Cumbo) può avere infatti molti “padri” e molte “madri”.

LOCALIZZAZIONE

Categoria: Mitologia Oceanica
Regioni: Oceania Vicina
Paesi: Australia