Modifica di Ka-Ha-Si

Attenzione: non hai effettuato l'accesso. Se effettuerai delle modifiche il tuo indirizzo IP sarà visibile pubblicamente. Se accedi o crei un'utenza, le tue modifiche saranno attribuite al tuo nome utente, insieme ad altri benefici.

Questa modifica può essere annullata. Controlla le differenze mostrate sotto fra le due versioni per essere certo che il contenuto corrisponda a quanto desiderato, e quindi salvare le modifiche per completare la procedura di annullamento.
Versione attuale Il tuo testo
Riga 1: Riga 1:
 
Ka-Ha-Si era un ragazzo Inuit che era insultato dalla sua tribù perché era inoperoso e dormiva troppo. Una notte, in sogno, un tuffolo gli parlò e gli disse che lui solo poteva salvare la tribù. Il giorno dopo, sua madre lo svegliò e gli disse che non c’era cibo poiché i cacciatori non avevano avuto fortuna. Anche se gli uomini ridevano di lui, Ka-Ha-Si uscì comunque a caccia e ingannò un cervo in modo che si uccidesse da solo fra i rami. Per un po’ fu celebre, ma ben presto lo evitarono nuovamente per il fatto che non lavorava, dormiva tutto il giorno e non faceva alcunché. Fece un altro sogno, in cui il tuffolo gli disse che suo nonno voleva che egli fosse il salvatore della tribù, malgrado la cattiveria nei suoi confronti. Il giorno dopo, arrivò un gigante e si offrì di combattere con chiunque pensasse di colpire il gigante. Tutti se la batterono, ad eccezione di Ka-Ha-Si, il quale sollevò il gigante e lo gettò nell’acqua. Ka-Ha-Si diventò nuovamente un eroe, e quella notte, in sogno, il tuffolo ritornò e gli disse che suo nonno era fiero di Ka-Ha-Si. E Ka-Ha-Si diventò un capo potente e rispettato.
 
Ka-Ha-Si era un ragazzo Inuit che era insultato dalla sua tribù perché era inoperoso e dormiva troppo. Una notte, in sogno, un tuffolo gli parlò e gli disse che lui solo poteva salvare la tribù. Il giorno dopo, sua madre lo svegliò e gli disse che non c’era cibo poiché i cacciatori non avevano avuto fortuna. Anche se gli uomini ridevano di lui, Ka-Ha-Si uscì comunque a caccia e ingannò un cervo in modo che si uccidesse da solo fra i rami. Per un po’ fu celebre, ma ben presto lo evitarono nuovamente per il fatto che non lavorava, dormiva tutto il giorno e non faceva alcunché. Fece un altro sogno, in cui il tuffolo gli disse che suo nonno voleva che egli fosse il salvatore della tribù, malgrado la cattiveria nei suoi confronti. Il giorno dopo, arrivò un gigante e si offrì di combattere con chiunque pensasse di colpire il gigante. Tutti se la batterono, ad eccezione di Ka-Ha-Si, il quale sollevò il gigante e lo gettò nell’acqua. Ka-Ha-Si diventò nuovamente un eroe, e quella notte, in sogno, il tuffolo ritornò e gli disse che suo nonno era fiero di Ka-Ha-Si. E Ka-Ha-Si diventò un capo potente e rispettato.
  
[[Categoria:Mitologia Artica]]
 
 
[[Categoria:Mitologia Inuit]]
 
[[Categoria:Mitologia Inuit]]
 
[[Categoria:Poli]]
 
[[Categoria:Poli]]
 
[[Categoria:Artico]]
 
[[Categoria:Artico]]
[[Categoria:Umani]]
 
[[Categoria:Eroi]]
 
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
 
[[Categoria:Indole: Benevola]]
 

Per favore tieni presente che tutti i contributi a Il Crepuscolo degli Dèi possono essere modificati, stravolti o cancellati da altri contributori. Se non vuoi che i tuoi testi possano essere alterati, allora non inserirli.
Inviando il testo dichiari inoltre, sotto tua responsabilità, che è stato scritto da te personalmente oppure è stato copiato da una fonte di pubblico dominio o similarmente libera (vedi Il Crepuscolo degli Dèi:Copyright per maggiori dettagli). Non inviare materiale protetto da copyright senza autorizzazione!

Annulla Guida (si apre in una nuova finestra)