Modifica di Ippogrifo



				

				

Attenzione: Accesso non effettuato. Nella cronologia della pagina verrà registrato l'indirizzo IP.

Questa modifica può essere annullata. Verificare il confronto presentato di seguito per accertarsi che il contenuto corrisponda a quanto desiderato e quindi salvare le modifiche per completare la procedura di annullamento.

Versione corrente Il tuo testo
Riga 1: Riga 1:
-
{{Voce
 
-
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 
-
|nome originale=-
 
-
|altri nomi=-
 
-
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 
-
|etimo=-
 
-
|sesso=Femmina
 
-
|sezione=Mitologia Medievale
 
-
|continente=Europa
 
-
|area=Europa Centrale
 
-
|paese=Francia
 
-
|origine=Ciclo Carolingio
 
-
|tipologia=Creature Fantastiche
 
-
|sottotipologia=Animali
 
-
|specificità=Equini
 
-
|indole=Neutrale
 
-
|aspetto=Antropomorfo
 
-
|animali=-
 
-
|piante=-
 
-
|attributi=-
 
-
|elemento=Aria
 
-
|habitat=Cielo
 
-
|ambiti=-
 
-
}}
 
-
 
L'Ippogrifo compare ufficialmente per la prima volta nel poema dell'Ariosto ([[Biblioteca:Orlando Furioso, Canto IV|Orlando Furioso, Canto IV]]). Tuttavia nella letteratura classica molti nomi già prefiguravano questa invenzione ([[Hippelaphos]], [[Hippalectryon]], e gli immaginari [[Hippogypoi]] inventati da [[Luciano]] nella [[Storia Vera]]); inoltre, l'idea fondamentale, quella cioè del cavallo alato e capace di volare, era già ben nota con la figura di [[Pegaso]]. L'Ippogrifo infatti si deve certamente immaginare (benché l'Ariosto non fornisca descrizioni dettagliate) come un [[grifone]] in cui le parti leonine sono sostituite da equivalenti parti equine, e quindi, sostanzialmente, come un cavallo dotato di ali ed a testa di aquila. L'idea del connubio tra il cavallo e il grifone non è peregrina, ma deriva da un celebre verso di [[Virgilio]] (Ed., VIII, 27):
L'Ippogrifo compare ufficialmente per la prima volta nel poema dell'Ariosto ([[Biblioteca:Orlando Furioso, Canto IV|Orlando Furioso, Canto IV]]). Tuttavia nella letteratura classica molti nomi già prefiguravano questa invenzione ([[Hippelaphos]], [[Hippalectryon]], e gli immaginari [[Hippogypoi]] inventati da [[Luciano]] nella [[Storia Vera]]); inoltre, l'idea fondamentale, quella cioè del cavallo alato e capace di volare, era già ben nota con la figura di [[Pegaso]]. L'Ippogrifo infatti si deve certamente immaginare (benché l'Ariosto non fornisca descrizioni dettagliate) come un [[grifone]] in cui le parti leonine sono sostituite da equivalenti parti equine, e quindi, sostanzialmente, come un cavallo dotato di ali ed a testa di aquila. L'idea del connubio tra il cavallo e il grifone non è peregrina, ma deriva da un celebre verso di [[Virgilio]] (Ed., VIII, 27):
''«Jungentur jam gryphes equis»'', anche se il poeta latino dava a questa eventualità di copula tra grifoni e cavalli il senso di un fatto impossibile.  
''«Jungentur jam gryphes equis»'', anche se il poeta latino dava a questa eventualità di copula tra grifoni e cavalli il senso di un fatto impossibile.  
Riga 38: Riga 13:
[[Categoria:Aspetto: Animale-Animale]]
[[Categoria:Aspetto: Animale-Animale]]
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
-
[[Categoria:Indole: Neutrale]]
+
[[Categoria:Indole: Benevola]]
-
[[Categoria:Elemento: Aria]]
+
-
[[Categoria:Habitat: Cielo]]
+
Image Plus

Nota: tutti i contributi inviati a Il Crepuscolo degli Dèi possono essere modificati, stravolti o cancellati da parte degli altri partecipanti. Se non desideri che i tuoi testi possano essere modificati senza alcun riguardo, non inviarli a questo sito.
Con l'invio del testo dichiari inoltre, sotto la tua responsabilità, che il testo è stato scritto da te personalmente oppure che è stato copiato da una fonte di pubblico dominio o analogamente libera. (vedi Il_Crepuscolo_degli_Dèi:Copyright per maggiori dettagli) NON INVIARE MATERIALE COPERTO DA DIRITTO DI AUTORE SENZA AUTORIZZAZIONE!


Annulla | Guida (si apre in una nuova finestra)

Template utilizzati in questa pagina: