Modifica di Ecuba



				

				

Attenzione: Accesso non effettuato. Nella cronologia della pagina verrà registrato l'indirizzo IP.

Questa modifica può essere annullata. Verificare il confronto presentato di seguito per accertarsi che il contenuto corrisponda a quanto desiderato e quindi salvare le modifiche per completare la procedura di annullamento.

Versione corrente Il tuo testo
Riga 1: Riga 1:
-
{{Voce
+
Seconda moglie di [[Priamo]], re di [[Troia]], e madre di [[Ettore]], [[Paride]], [[Cassandra]] e altri sedici figli: detta anche Ecabe. Era, a seconda delle fonti, figlia di [[Cisseo]] (e in tal caso sorella di [[Teano]]), oppure figlia di [[Dimante]] (e di conseguenza sorella di [[Asio (2)|Asio]], il padre di [[Adamante]] e [[Fenope]]). Dopo la caduta della città, che segnò la fine della guerra di [[Troia]], e la morte di [[Priamo]], Ecuba ormai anziana venne fatta prigioniera dai greci (esattamente da [[Ulisse]]); intorno al suo destino si svilupparono varie vicende narrate nelle tragedie di [[Euripide]] (Ecuba 1259 ss). Secondo una di queste, ripresa nella tragedia euripidea ''Ecuba'', l'ex regina assistette all'assassinio della figlia [[Polissena]] e scoprì che il più giovane dei suoi figli ancora in vita, [[Polidoro]], affidato al re del [[Chersoneso Tracio]], [[Polinestore]], durante l'assedio di [[Troia]] era stato da costui ucciso sulla costa della [[Troade]]. Per vendicarlo, Ecuba cavò gli occhi al re e uccise i suoi figli. Sempre secondo Euripide (''[[Le Troiane]]''), Ecuba venne destinata in schiava a [[Ulisse]] e assistette all'uccisione del nipote [[Astianatte]]. Quanto alla sua morte, esistono tre differenti versioni: secondo la prima, Ecuba, fatta prigioniera, per la disperazione si gettò nell'[[Ellesponto]] (odierni Dardanelli); la seconda afferma che morì per i maltrattamenti dei suoi rapitori; la terza dice invece che fu trasformata in una cagna, ed [[Eleno]] la seppellì nel luogo che fu chiamato poi "Tomba della cagna".
-
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
+
-
|nome originale=-
+
-
|altri nomi=-
+
-
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
+
-
|etimo=-
+
-
|sesso=Femmina
+
-
|sezione=Mitologia Classica
+
-
|continente=Europa
+
-
|area=Mediterraneo
+
-
|paese=Grecia
+
-
|origine=Greci
+
-
|tipologia=Umani
+
-
|sottotipologia=Nobili
+
-
|specificità=Sovrani
+
-
|indole=Neutrale
+
-
|aspetto=Antropomorfo
+
-
|animali=-
+
-
|piante=-
+
-
|attributi=-
+
-
|elemento=-
+
-
|habitat=-
+
-
|ambiti=[[Elenchi:Metamorfosi|Metamorfosi]], [[Elenchi:Schiavitù|Schiavitù]], [[Elenchi:Suicidio|Suicidio]], [[ELenchi:Vendetta|Vendetta]]
+
-
}}
+
-
Seconda moglie di [[Priamo]], re di [[Troia]], e madre di [[Ettore]], [[Paride]], [[Cassandra]] e altri sedici figli: detta anche Ecabe. Era, a seconda delle fonti, figlia di [[Cisseo (1)|Cisseo]] (e in tal caso sorella di [[Teano (2)|Teano]]), oppure figlia di [[Dimante (1)|Dimante]] (e di conseguenza sorella di [[Asio (2)|Asio]], il padre di [[Adamante]] e [[Fenope]]). Dopo la caduta della città, che segnò la fine della guerra di [[Troia]], e la morte di [[Priamo]], Ecuba ormai anziana venne fatta prigioniera dai greci (esattamente da [[Ulisse]]); intorno al suo destino si svilupparono varie vicende narrate nelle tragedie di [[Euripide]] (Ecuba 1259 ss e Troiane). Secondo una di queste, ripresa nella tragedia euripidea ''Ecuba'', l'ex regina assistette all'assassinio della figlia [[Polissena]] e scoprì che il più giovane dei suoi figli ancora in vita, [[Polidoro]], affidato al re del [[Chersoneso Tracio]] [[Polinestore]] durante l'assedio di [[Troia]], era stato in seguito da costui ucciso sulla costa della [[Troade]]. Per vendicarlo, Ecuba cavò gli occhi al re e uccise i suoi figli. Sempre secondo Euripide (''[[Le Troiane]]''), Ecuba venne destinata in schiava a [[Ulisse]] e assistette all'uccisione del nipote [[Astianatte]]. Quanto alla sua morte, esistono tre differenti versioni: secondo la prima, Ecuba, fatta prigioniera, per la disperazione si gettò nell'[[Ellesponto]] (odierni Dardanelli); la seconda afferma che morì per i maltrattamenti che ricevette dagli Achei; la terza dice invece che fu trasformata in una cagna, ed [[Eleno]] la seppellì nel luogo che fu chiamato poi "Tomba della cagna".
+
== Bibliografia ==
-
 
+
=== Fonti Antiche ===
-
{{Bibliografia}}
+
*Omero, ''[[Iliade]]''
 +
*Euripide, ''[[Ecuba (Euripide)|Ecuba]]''
 +
*Euripide, ''[[Le Troiane]]''
 +
*Virgilio, ''[[Biblioteca:Eneide, Libro II|Eneide, Libro II]]''
 +
*Ovidio, ''[[Metamorfosi, Libro XIII]]''
== Riferimenti letterari ==
== Riferimenti letterari ==
Riga 33: Riga 14:
*Giovanni Boccaccio, ''De mulieribus claris'', raccolta di biografie.
*Giovanni Boccaccio, ''De mulieribus claris'', raccolta di biografie.
-
[[Categoria:Mitologia Classica]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
[[Categoria:Mitologia Greca]]
[[Categoria:Europa]]
[[Categoria:Europa]]
[[Categoria:Mediterraneo]]
[[Categoria:Mediterraneo]]
[[Categoria:Grecia]]
[[Categoria:Grecia]]
-
[[Categoria:Nobili]]
 
[[Categoria:Sovrani]]
[[Categoria:Sovrani]]
[[Categoria:Umani]]
[[Categoria:Umani]]
Riga 44: Riga 23:
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
[[Categoria:Indole: Neutrale]]
[[Categoria:Indole: Neutrale]]
-
[[Categoria:Schiavitù]]
+
[[Categoria:Schiavi]]
[[Categoria:Vendetta]]
[[Categoria:Vendetta]]
[[Categoria:Suicidio]]
[[Categoria:Suicidio]]
[[Categoria:Metamorfosi]]
[[Categoria:Metamorfosi]]
Image Plus

Nota: tutti i contributi inviati a Il Crepuscolo degli Dèi possono essere modificati, stravolti o cancellati da parte degli altri partecipanti. Se non desideri che i tuoi testi possano essere modificati senza alcun riguardo, non inviarli a questo sito.
Con l'invio del testo dichiari inoltre, sotto la tua responsabilità, che il testo è stato scritto da te personalmente oppure che è stato copiato da una fonte di pubblico dominio o analogamente libera. (vedi Il_Crepuscolo_degli_Dèi:Copyright per maggiori dettagli) NON INVIARE MATERIALE COPERTO DA DIRITTO DI AUTORE SENZA AUTORIZZAZIONE!


Annulla | Guida (si apre in una nuova finestra)