Dioscuri

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Riga 1: Riga 1:
-
Dios kuroi, significa figli di [[Zeus]]. Nella mitologia greca ci sono due coppie di gemelli a portare questo nome; [[Anfione]] e [[Zeto]], chiamati Dioscuri tebani; [[Castore]] e [[Polluce]] i Dioscuri spartani. In ogni caso i Dioscuri cantati dai poeti per l'amore fraterno e l'inseparabilità erano quest'ultimi. I Diòscuri aiutarono gli dèi nella lotta contro i [[Giganti]]. I due fratelli sarebbero nati dall'uovo che [[Leda]] aveva concepito quando [[Zeus]] nelle spoglie di un cigno la fece sua. [[Castore]] nacque mortale, mentre [[Polluce]] era immortale. Quando decisero di prendere moglie, i divini gemelli rapirono le figlie di [[Leucippo]], però le ragazze erano promesse a [[Idas]] e [[Linceo]], anch'essi gemelli e cugini dei Dioscuri. Ida e Linceo giurarono vendetta nei confronti di [[Castore]] e [[Polluce]], così nella lite che ne seguì, [[Castore]] fu ucciso da [[Idas]]. [[Polluce]], inferocito dal dolore della perdita del fratello, inseguì i due e raggiuntili uccise [[Linceo]], intanto [[Idas]] stava per scagliare una stele contro [[Polluce]], ma viene da [[Zeus]] incenerito con un fulmine per difendere il figlio. [[Polluce]] che amava il fratello chiese a [[Zeus]] di togliergli il dono dell'immortalità per potere stare col fratello e siccome questo non era possibile, [[Zeus]] gli offrì di vivere un giorno con [[Castore]] sull'[[Olimpo]], e un giorno con [[Castore]] sottoterra. La leggenda dice che non potendo fare più nulla per la sorella [[Elena]], si misero a proteggere la nave che trasportava [[Elena]]. Cavalcandole affianco, proteggevano la sorella e la nave dalla potenza delle onde. Per cui furono molto venerati dai marinai.
+
Dios kuroi, significa figli di [[Zeus]]. Nella mitologia greca ci sono due coppie di gemelli a portare questo nome; [[Anfione]] e [[Zeto]], chiamati Dioscuri tebani; [[Castore]] e [[Polluce]] i Dioscuri spartani. In ogni caso i Dioscuri cantati dai poeti per l'amore fraterno e l'inseparabilità erano quest'ultimi. I Diòscuri aiutarono gli dèi nella lotta contro i [[Giganti]]. I due fratelli sarebbero nati dall'uovo che [[Leda]] aveva concepito quando [[Zeus]] nelle spoglie di un cigno la fece sua. [[Castore]] nacque mortale, mentre [[Polluce]] era immortale. Quando decisero di prendere moglie, i divini gemelli rapirono le figlie di [[Leucippo]], però le ragazze erano promesse a [[Idas]] e [[Linceo]], anch'essi gemelli e cugini dei Dioscuri. Ida e Linceo giurarono vendetta nei confronti di [[Castore]] e [[Polluce]], così nella lite che ne seguì, [[Castore]] fu ucciso da [[Idas]]. [[Polluce]], inferocito dal dolore della perdita del fratello, inseguì i due e raggiuntili uccise [[Linceo]], intanto [[Idas]] stava per scagliare una stele contro [[Polluce]], ma venne da [[Zeus]] incenerito con un fulmine per difendere il figlio. [[Polluce]] che amava il fratello chiese a [[Zeus]] di togliergli il dono dell'immortalità per potere stare col fratello e siccome questo non era possibile, [[Zeus]] gli offrì di vivere un giorno con [[Castore]] sull'[[Olimpo]], e un giorno con [[Castore]] sottoterra. La leggenda dice che non potendo fare più nulla per la sorella [[Elena]], si misero a proteggere la nave che trasportava [[Elena]]. Cavalcandole affianco, proteggevano la sorella e la nave dalla potenza delle onde. Per cui furono molto venerati dai marinai.
[[Categoria: Mitologia Greca]]
[[Categoria: Mitologia Greca]]

Versione del 09:09, 28 apr 2011

Dios kuroi, significa figli di Zeus. Nella mitologia greca ci sono due coppie di gemelli a portare questo nome; Anfione e Zeto, chiamati Dioscuri tebani; Castore e Polluce i Dioscuri spartani. In ogni caso i Dioscuri cantati dai poeti per l'amore fraterno e l'inseparabilità erano quest'ultimi. I Diòscuri aiutarono gli dèi nella lotta contro i Giganti. I due fratelli sarebbero nati dall'uovo che Leda aveva concepito quando Zeus nelle spoglie di un cigno la fece sua. Castore nacque mortale, mentre Polluce era immortale. Quando decisero di prendere moglie, i divini gemelli rapirono le figlie di Leucippo, però le ragazze erano promesse a Idas e Linceo, anch'essi gemelli e cugini dei Dioscuri. Ida e Linceo giurarono vendetta nei confronti di Castore e Polluce, così nella lite che ne seguì, Castore fu ucciso da Idas. Polluce, inferocito dal dolore della perdita del fratello, inseguì i due e raggiuntili uccise Linceo, intanto Idas stava per scagliare una stele contro Polluce, ma venne da Zeus incenerito con un fulmine per difendere il figlio. Polluce che amava il fratello chiese a Zeus di togliergli il dono dell'immortalità per potere stare col fratello e siccome questo non era possibile, Zeus gli offrì di vivere un giorno con Castore sull'Olimpo, e un giorno con Castore sottoterra. La leggenda dice che non potendo fare più nulla per la sorella Elena, si misero a proteggere la nave che trasportava Elena. Cavalcandole affianco, proteggevano la sorella e la nave dalla potenza delle onde. Per cui furono molto venerati dai marinai.