Modifica di Deianira

Attenzione: non hai effettuato l'accesso. Se effettuerai delle modifiche il tuo indirizzo IP sarà visibile pubblicamente. Se accedi o crei un'utenza, le tue modifiche saranno attribuite al tuo nome utente, insieme ad altri benefici.

Questa modifica può essere annullata. Controlla le differenze mostrate sotto fra le due versioni per essere certo che il contenuto corrisponda a quanto desiderato, e quindi salvare le modifiche per completare la procedura di annullamento.
Versione attuale Il tuo testo
Riga 14: Riga 14:
 
|sottotipologia=Nobili
 
|sottotipologia=Nobili
 
|specificità=Principi
 
|specificità=Principi
|sub=-
 
 
|indole=Benevola
 
|indole=Benevola
 
|aspetto=Antropomorfo
 
|aspetto=Antropomorfo
Riga 27: Riga 26:
 
Figlia di [[Eneo (1)|Eneo]], sorella di [[Meleagro]] e sposa di [[Eracle]]. Per guadare il fiume [[Eveno]] accettò di salire in groppa al centauro [[Nesso]], il quale cercò di rapire la bella ragazza, allora [[Eracle]] con una delle sue frecce intinte nel sangue dell'[[Idra di Lerna]] uccise il centauro, che prima di morire macchinò un ultimo inganno suggerendo a Deianira di intingere la veste di [[Eracle]] nel suo sangue per avere assicurata la fedeltà del marito. Quando [[Eracle]] si innamorò di [[Iole]], Deianira fece indossare la veste che aveva intinto nel sangue del centauro, convinta che così [[Eracle]] sarebbe ritornato a lei. Ma non appena [[Eracle]] indossò la veste, si sentì ardere e bruciare il corpo dal veleno contenuto nel sangue del centauro, non potendo più sopportare quell'immenso dolore, l'eroe si fece preparare un rogo e vi salì. Deianira, in preda al rimorso e al dolore per la perdita del marito, non volendogli sopravvivere, si uccise.
 
Figlia di [[Eneo (1)|Eneo]], sorella di [[Meleagro]] e sposa di [[Eracle]]. Per guadare il fiume [[Eveno]] accettò di salire in groppa al centauro [[Nesso]], il quale cercò di rapire la bella ragazza, allora [[Eracle]] con una delle sue frecce intinte nel sangue dell'[[Idra di Lerna]] uccise il centauro, che prima di morire macchinò un ultimo inganno suggerendo a Deianira di intingere la veste di [[Eracle]] nel suo sangue per avere assicurata la fedeltà del marito. Quando [[Eracle]] si innamorò di [[Iole]], Deianira fece indossare la veste che aveva intinto nel sangue del centauro, convinta che così [[Eracle]] sarebbe ritornato a lei. Ma non appena [[Eracle]] indossò la veste, si sentì ardere e bruciare il corpo dal veleno contenuto nel sangue del centauro, non potendo più sopportare quell'immenso dolore, l'eroe si fece preparare un rogo e vi salì. Deianira, in preda al rimorso e al dolore per la perdita del marito, non volendogli sopravvivere, si uccise.
  
==LETTERATURA==
+
== Riferimenti letterari ==
 
=== La figura di Deianira nella letteratura postclassica ===
 
=== La figura di Deianira nella letteratura postclassica ===
  
 
*Giovanni Boccaccio, ''De mulieribus claris'', raccolta di biografie.
 
*Giovanni Boccaccio, ''De mulieribus claris'', raccolta di biografie.
  
==MUSEO==
+
==Museo==
 
<DPL>
 
<DPL>
 
linksto=Deianira
 
linksto=Deianira
Riga 38: Riga 37:
 
ordermethod=titlewithoutnamespace
 
ordermethod=titlewithoutnamespace
 
order=ascending
 
order=ascending
format=<gallery perrow=8>,%PAGE%|[[:Immagine:%TITLE%|%TITLE%]]\n,,</gallery>
+
format=<gallery perrow=5>,%PAGE%|[[:Immagine:%TITLE%|%TITLE%]]\n,,</gallery>
 
</DPL>
 
</DPL>
  

Per favore tieni presente che tutti i contributi a Il Crepuscolo degli Dèi possono essere modificati, stravolti o cancellati da altri contributori. Se non vuoi che i tuoi testi possano essere alterati, allora non inserirli.
Inviando il testo dichiari inoltre, sotto tua responsabilità, che è stato scritto da te personalmente oppure è stato copiato da una fonte di pubblico dominio o similarmente libera (vedi Il Crepuscolo degli Dèi:Copyright per maggiori dettagli). Non inviare materiale protetto da copyright senza autorizzazione!

Annulla Guida (si apre in una nuova finestra)

Template utilizzati in questa pagina: