Modifica di Biblioteca:Quinto Smirneo, Posthomerica, Libro II



				

				

Attenzione: Accesso non effettuato. Nella cronologia della pagina verrà registrato l'indirizzo IP.

ATTENZIONE: Questa pagina è lunga 35 kilobyte; alcuni browser potrebbero presentare dei problemi nella modifica di pagine che si avvicinano o superano i 32 KB. Valuta l'opportunità di suddividere la pagina in sezioni più piccole.

Questa modifica può essere annullata. Verificare il confronto presentato di seguito per accertarsi che il contenuto corrisponda a quanto desiderato e quindi salvare le modifiche per completare la procedura di annullamento.

Versione corrente Il tuo testo
Riga 4: Riga 4:
E nelle tende i poderosi figli
E nelle tende i poderosi figli
De’ Greci erano lieti, e gloria grande
De’ Greci erano lieti, e gloria grande
-
Davano al forte e valoroso [[Achille]].
+
Davano al forte e valoroso Achille.
-
D’altra parte i [[Troia]]n nella cittate
+
D’altra parte i Troian nella cittate
Piangean dolenti, e su le torri intorno
Piangean dolenti, e su le torri intorno
Sedendo, alle custodie erano intenti.
Sedendo, alle custodie erano intenti.
Riga 17: Riga 17:
Veder non so qual deggia aver rimedio
Veder non so qual deggia aver rimedio
Questa esecrabil guerra, or che caduto
Questa esecrabil guerra, or che caduto
-
È il valoroso [[Ettore]], il qual fu dianzi
+
È il valoroso Ettorre, il qual fu dianzi
-
Forte sponda a’ [[Troia]]ni, e pur le Parche
+
Forte sponda a’ Troiani, e pur le Parche
Evitar non potéo, ma vinto giacque
Evitar non potéo, ma vinto giacque
-
Dalle mani di [[Achille]], onde io mi stimo
+
Dalle mani di Achille, onde io mi stimo
Che se in battaglia l’incontrasse un Dio
Che se in battaglia l’incontrasse un Dio
Fora da lui nella battaglia vinto.
Fora da lui nella battaglia vinto.
Riga 34: Riga 34:
O di fuggir dalle perdute mura.
O di fuggir dalle perdute mura.
Or mai più non potiam, or che si mesce
Or mai più non potiam, or che si mesce
-
Nelle battaglie il dispietato [[Achille]],
+
Nelle battaglie il dispietato Achille,
Star noi del par con l’avversario a fronte.
Star noi del par con l’avversario a fronte.
Così diss’egli, e in questa guisa a lui
Così diss’egli, e in questa guisa a lui
Rispose allor di Laomedonte il figlio:
Rispose allor di Laomedonte il figlio:
-
Amico, e voi [[Troia]]ni, e tutti insieme
+
Amico, e voi Troiani, e tutti insieme
Voi che forti moveste a nostra aita;
Voi che forti moveste a nostra aita;
Parmi che non sia ben per tema vile
Parmi che non sia ben per tema vile
Riga 52: Riga 52:
Non ho di lui fra’ miei dolor novella.
Non ho di lui fra’ miei dolor novella.
Ben so che prontamente egli promise
Ben so che prontamente egli promise
-
Il tutto di spedir, venendo a [[Troia]],
+
Il tutto di spedir, venendo a Troia,
Ond’io deggio sperar che sia vicino.
Ond’io deggio sperar che sia vicino.
Soffrite, prego, dunque ancora alquanto.
Soffrite, prego, dunque ancora alquanto.
Riga 78: Riga 78:
Uccider ci lasciam da’ Greci in guerra.
Uccider ci lasciam da’ Greci in guerra.
Ma, sebben tardi, è però il meglio a’ Greci
Ma, sebben tardi, è però il meglio a’ Greci
-
Render [[Elena]] bella, e insieme quante
+
Render Elena bella, e insieme quante
E ricchezze e tesor da Sparta addusse.
E ricchezze e tesor da Sparta addusse.
Anzi ancor più dar loro onde salviamo
Anzi ancor più dar loro onde salviamo
Riga 86: Riga 86:
Credetemi, vi prego, perchè certo
Credetemi, vi prego, perchè certo
Veder non so qual ritrovar si possa
Veder non so qual ritrovar si possa
-
Altro miglior per li [[Troia]]n consiglio.
+
Altro miglior per li Troian consiglio.
Piacesse a Dio che a’ detti miei creduto
Piacesse a Dio che a’ detti miei creduto
-
[[Ettore]] avesse, allor ch’io mi sforzava
+
Ettorre avesse, allor ch’io mi sforzava
Di tener lui nella sua patria chiuso.
Di tener lui nella sua patria chiuso.
Così parlò Polidamante, e piacque
Così parlò Polidamante, e piacque
-
A’ [[Troia]]n nell’interno il suo consiglio;
+
A’ Troian nell’interno il suo consiglio;
Ma fuor non lo mostrar da tema vinti
Ma fuor non lo mostrar da tema vinti
Del re, cui riverenza aveano, e insieme
Del re, cui riverenza aveano, e insieme
-
D’[[Elena]], ancor ch’estinti omai per lei.
+
D’Elena, ancor ch’estinti omai per lei.
A costui benché grande in questa guisa
A costui benché grande in questa guisa
Con acerbo parlar s’oppose Pari:
Con acerbo parlar s’oppose Pari:
Riga 130: Riga 130:
Così diss’egli, e non rispose Pari,
Così diss’egli, e non rispose Pari,
Poiché narrò quanti per lei soffriro
Poiché narrò quanti per lei soffriro
-
Danni i [[Troia]]ni, e quanti ancor per lei
+
Danni i Troiani, e quanti ancor per lei
Dovean soffrir, perocché acceso il core
Dovean soffrir, perocché acceso il core
Bramava di morir, pria che lontano
Bramava di morir, pria che lontano
-
Viver d’[[Elena]] bella, a’ Divi eguale;
+
Viver d’Elena bella, a’ Divi eguale;
-
D’[[Elena]], onde i [[Troia]]ni alto la guardia
+
D’Elena, onde i Troiani alto la guardia
Facendo gian, dalla città sublime
Facendo gian, dalla città sublime
Attendendo gli Argivi, e dalla stirpe
Attendendo gli Argivi, e dalla stirpe
-
D’Eaco sceso il poderoso [[Achille]].
+
D’Eaco sceso il poderoso Achille.
Venne indi a poco Mennone guerriero,
Venne indi a poco Mennone guerriero,
Mennone il re degli Etiopi adusti,
Mennone il re degli Etiopi adusti,
Seco traendo innumerabil gente.
Seco traendo innumerabil gente.
-
Si allegraro i [[Troia]]n, vedendo lui
+
Si allegraro i Troian, vedendo lui
Nella cittate a guisa di nocchieri,
Nella cittate a guisa di nocchieri,
Che nell’atre tempeste afflitti e stanchi
Che nell’atre tempeste afflitti e stanchi
Riga 166: Riga 166:
Dicea del Sole i nascimenti, e quanta
Dicea del Sole i nascimenti, e quanta
Via scorso avea dell’Oceán, venendo
Via scorso avea dell’Oceán, venendo
-
Di [[Priamo]] alla cittate, a’ monti Idei.
+
Di Priamo alla cittate, a’ monti Idei.
Raccontando venia come con forte
Raccontando venia come con forte
Mano gli avea da’ Solimi superbi
Mano gli avea da’ Solimi superbi
Riga 174: Riga 174:
Così parlava ed aggiungea com’egli
Così parlava ed aggiungea com’egli
Mille veduti avea popoli e genti.
Mille veduti avea popoli e genti.
-
Giubbilava al suo dir di [[Priamo]] il petto,
+
Giubbilava al suo dir di Priamo il petto,
Presa a lui la man con dolci moti
Presa a lui la man con dolci moti
Queste piene di onor parole disse:
Queste piene di onor parole disse:
Riga 192: Riga 192:
Mennone, con la coppa aurea pesante,
Mennone, con la coppa aurea pesante,
Che del zoppo Vulcan fabro ingegnoso
Che del zoppo Vulcan fabro ingegnoso
-
Fattura illustre, in dono a [[Zeus]] diede
+
Fattura illustre, in dono a Zeus diede
Potente, ed ei donolla indi al divino
Potente, ed ei donolla indi al divino
Dardano suo figliuolo, ed egli al figlio
Dardano suo figliuolo, ed egli al figlio
Riga 198: Riga 198:
Al magnanimo Troe, quinci esso ad Ilo
Al magnanimo Troe, quinci esso ad Ilo
La lasciò co’ tesori, ed ei la diede
La lasciò co’ tesori, ed ei la diede
-
A Laomedonte, e Laomedonte a [[Priamo]],
+
A Laomedonte, e Laomedonte a Priamo,
Che poscia al figlio suo dovea lasciarla,
Che poscia al figlio suo dovea lasciarla,
Ma ciò compir lui non concesse il fato.
Ma ciò compir lui non concesse il fato.
Riga 228: Riga 228:
Sen giro anch’essi a procurar le piume;
Sen giro anch’essi a procurar le piume;
E lor indi soave il sonno assalse.
E lor indi soave il sonno assalse.
-
Di [[Zeus]] intanto, adunator de’ lampi,
+
Di Zeus intanto, adunator de’ lampi,
Sedeansi i Divi entro gli alberghi a mensa;
Sedeansi i Divi entro gli alberghi a mensa;
E il gran padre Saturnio a loro in mezzo
E il gran padre Saturnio a loro in mezzo
Riga 249: Riga 249:
Lasciata la battaglia, indarno poscia
Lasciata la battaglia, indarno poscia
Tornasse dentro al non passibil cielo.
Tornasse dentro al non passibil cielo.
-
Udito ciò da [[Zeus]] altitonante
+
Udito ciò da Zeus altitonante
Pazienti soffrir, Né contro al rege
Pazienti soffrir, Né contro al rege
Mosser parola, perchè avean di lui
Mosser parola, perchè avean di lui
Riga 269: Riga 269:
Adattandosi gian l’armi guerriere
Adattandosi gian l’armi guerriere
Con gli altri Etiopi insieme; e quante genti
Con gli altri Etiopi insieme; e quante genti
-
Avea [[Priamo]] d’intorno, e in un congiunti
+
Avea Priamo d’intorno, e in un congiunti
I popoli adunati in suo soccorso.
I popoli adunati in suo soccorso.
Precipitosamente indi n’usciro
Precipitosamente indi n’usciro
Fuor delle mura all’atre nubi eguali,
Fuor delle mura all’atre nubi eguali,
-
Che [[Zeus]] suol con abbondante copia
+
Che Zeus suol con abbondante copia
Per lo cielo adunar surgendo il verno.
Per lo cielo adunar surgendo il verno.
Fu ripien tutto in un momento il campo,
Fu ripien tutto in un momento il campo,
Riga 290: Riga 290:
Venir avanti, e senza far dimora
Venir avanti, e senza far dimora
Si vestiron di ferro. Alto sperando
Si vestiron di ferro. Alto sperando
-
Nel gran valor del figlio di [[Peleo]],
+
Nel gran valor del figlio di Peleo,
Il quale in mezzo a lor se ne venìa
Il quale in mezzo a lor se ne venìa
A’ gagliardi Titan simile in vista,
A’ gagliardi Titan simile in vista,
Riga 296: Riga 296:
D’ogni intorno spargean le lucid’arme
D’ogni intorno spargean le lucid’arme
Splendor sembiante a luminosi lampi:
Splendor sembiante a luminosi lampi:
-
Come là da’ confin dell’[[Oceano]],
+
Come là da’ confin dell’Oceano,
Che con le braccia sue la terra cinge
Che con le braccia sue la terra cinge
Con l’immortal sua luce ascende il sole
Con l’immortal sua luce ascende il sole
Riga 302: Riga 302:
Ne ridon l’aere, e la ferace terra:
Ne ridon l’aere, e la ferace terra:
Cotal movendo infra le Argive schiere
Cotal movendo infra le Argive schiere
-
Di se mostra facea di [[Peleo]] il figlio.
+
Di se mostra facea di Peleo il figlio.
Mennone anch’esso e coraggioso e forte
Mennone anch’esso e coraggioso e forte
-
Era all’audace [[Ares]] in tutto eguale.
+
Era all’audace Ares in tutto eguale.
Pronti i popoli intorno ivan seguendo
Pronti i popoli intorno ivan seguendo
L’impeto del lor duce, indi ordinarsi
L’impeto del lor duce, indi ordinarsi
-
De’ Greci e de’ [[Troia]]n le lunghe schiere,
+
De’ Greci e de’ Troian le lunghe schiere,
E tenner gli Etiopi il primo luogo.
E tenner gli Etiopi il primo luogo.
Con orribile suon quinci incontrarsi
Con orribile suon quinci incontrarsi
Riga 316: Riga 316:
Un confuso rumor misto di pianto:
Un confuso rumor misto di pianto:
Siccome allor che due sonanti fiumi
Siccome allor che due sonanti fiumi
-
Mentre [[Zeus]] dal ciel versa gran pioggia,
+
Mentre Zeus dal ciel versa gran pioggia,
Corron con alto suon gemendo al mare
Corron con alto suon gemendo al mare
L’un con l’altro cozzando il gran rimbombo
L’un con l’altro cozzando il gran rimbombo
Riga 325: Riga 325:
E per l’immenso ciel fremito e fiato
E per l’immenso ciel fremito e fiato
Terribil si avvolgea, sì quinci e quindi
Terribil si avvolgea, sì quinci e quindi
-
Destavan grande e furioso tuono. Il famoso baron licio [[Glauco]] ivi uccise Protoo, caro figliuol di Tendredon, duce dei Magneti.
+
Destavan grande e furioso tuono.
A Talio allor diè morte, al saggio Mente
A Talio allor diè morte, al saggio Mente
-
[[Achille]], ambo famosi, e in un con loro
+
Achille, ambo famosi, e in un con loro
Molti e molti altri combattendo uccise.
Molti e molti altri combattendo uccise.
Come se nelle cupe ime caverne
Come se nelle cupe ime caverne
Riga 335: Riga 335:
Tal grave trema e si sommuove il suolo;
Tal grave trema e si sommuove il suolo;
Così ratto cadean le genti a terra
Così ratto cadean le genti a terra
-
Per la lancia d’[[Achille]], in guisa tale
+
Per la lancia d’Achille, in guisa tale
Furiato fremea l’altero petto.
Furiato fremea l’altero petto.
Né men dall’Altro lato il nobil figlio
Né men dall’Altro lato il nobil figlio
Riga 346: Riga 346:
Ambo di guerre e d’aspre zuffe vaghi.
Ambo di guerre e d’aspre zuffe vaghi.
Questi abitar Tiro d’Alfeo vicini
Questi abitar Tiro d’Alfeo vicini
-
Al corso, e il duce [[Nestore]] seguiro,
+
Al corso, e il duce Nestore seguiro,
-
D’[[Ilio]] venendo alle sacrate mura.
+
D’Ilio venendo alle sacrate mura.
Questi uccisi così di nuovo assalse
Questi uccisi così di nuovo assalse
-
Il figlio di [[Peleo]] per dargli morte;
+
Il figlio di Peleo per dargli morte;
Ma lo prevenne Antiloco divino,
Ma lo prevenne Antiloco divino,
E lanciò l’asta lunga e non lo colse,
E lanciò l’asta lunga e non lo colse,
Perchè alquanto piegossi, e pur ancise
Perchè alquanto piegossi, e pur ancise
-
Etope di [[Pirra]]sio, ed egli irato
+
Etope di Pirrasio, ed egli irato
Per la morte di lui, scagliossi avanti,
Per la morte di lui, scagliossi avanti,
Qual feroce leon verso il cignale,
Qual feroce leon verso il cignale,
Riga 369: Riga 369:
Robustissima in lui bollía la forza,
Robustissima in lui bollía la forza,
Quinci benché guerrier sopra la poppa
Quinci benché guerrier sopra la poppa
-
Di [[Nestore]] il figliuol percosse, e l’asta
+
Di Nestore il figliuol percosse, e l’asta
Il cor passogli poderosa, dove
Il cor passogli poderosa, dove
Velocissima agli uomini è la morte.
Velocissima agli uomini è la morte.
Al cader di costui gran doglia assalse
Al cader di costui gran doglia assalse
Tutto l’Argivo stuol, ma sovra tutti
Tutto l’Argivo stuol, ma sovra tutti
-
A [[Nestore]] il dolor trafisse l’alma
+
A Nestore il dolor trafisse l’alma
Padre di lui, quando ammazzar si vide
Padre di lui, quando ammazzar si vide
Avanti agli occhi proprj il caro figlio.
Avanti agli occhi proprj il caro figlio.
Riga 418: Riga 418:
E per la morte del fratello irato,
E per la morte del fratello irato,
Cui Mennone poc’anzi in guerra uccise
Cui Mennone poc’anzi in guerra uccise
-
Di [[Nestore]] il figliuol prode e gagliardo
+
Di Nestore il figliuol prode e gagliardo
Laomedonte fuor trasse di vita;
Laomedonte fuor trasse di vita;
Ma Né quinci restò, che dall’ucciso
Ma Né quinci restò, che dall’ucciso
Riga 430: Riga 430:
Fermano, e passar oltra ardir non hanno.
Fermano, e passar oltra ardir non hanno.
Così que’ due restaro; il che d’appresso
Così que’ due restaro; il che d’appresso
-
[[Nestore]] contemplando, alto ne pianse
+
Nestore contemplando, alto ne pianse
E gli altri suoi compagni a chiamar ebbe
E gli altri suoi compagni a chiamar ebbe
Incontro gli avversarii, e s’accingeva
Incontro gli avversarii, e s’accingeva
Riga 499: Riga 499:
Con orribil rumor mormora e cade,
Con orribil rumor mormora e cade,
Mentre gran verno e nubilosi giorni
Mentre gran verno e nubilosi giorni
-
Manda agli uomini [[Zeus]], e d’ogni parte
+
Manda agli uomini Zeus, e d’ogni parte
Fra lor cozzando le copiose nubi
Fra lor cozzando le copiose nubi
Destano e tuono e lampi, e con noioso
Destano e tuono e lampi, e con noioso
Riga 505: Riga 505:
Inonda i campi, e d’ogni monte al basso
Inonda i campi, e d’ogni monte al basso
Scendon mugghiando i rapidi torrenti;
Scendon mugghiando i rapidi torrenti;
-
Tal per le rive là dell’[[Ellesponto]]
+
Tal per le rive là dell’Ellesponto
Fugava i Greci Mennone, e premendo
Fugava i Greci Mennone, e premendo
Uccidea lor dal tergo, e molti l’alma
Uccidea lor dal tergo, e molti l’alma
Riga 512: Riga 512:
E fra se colmo era d’Argivo il sangue.
E fra se colmo era d’Argivo il sangue.
D’alta letizia Mennone. passando
D’alta letizia Mennone. passando
-
Già fra le avverse squadre, e il suol [[Troia]]no
+
Già fra le avverse squadre, e il suol Troiano
S’ingombrava di morti, ed ei pur anco
S’ingombrava di morti, ed ei pur anco
Non prendea combattendo alcun riposo;
Non prendea combattendo alcun riposo;
Riga 527: Riga 527:
Securi il proprio rege, onde Meneclo
Securi il proprio rege, onde Meneclo
Che animoso assalia le Greche schiere
Che animoso assalia le Greche schiere
-
[[Achille]] uccise, e quindi acceso d’ira
+
Achille uccise, e quindi acceso d’ira
Per l’estinto compagno il valoroso
Per l’estinto compagno il valoroso
Mennone molta gente a morte diede;
Mennone molta gente a morte diede;
Riga 542: Riga 542:
Prendean temendo il celebre guerriero.
Prendean temendo il celebre guerriero.
Come se d’alto monte al pian ruina
Come se d’alto monte al pian ruina
-
Immensa pietra, che l’invitto [[Zeus]]
+
Immensa pietra, che l’invitto Zeus
Coll’affocato folgore divelle
Coll’affocato folgore divelle
Dalla scoscesa cima; ella divelta
Dalla scoscesa cima; ella divelta
Riga 552: Riga 552:
Fuggon da lei, che a salti giù declina
Fuggon da lei, che a salti giù declina
L’impeto periglioso il grave rombo,
L’impeto periglioso il grave rombo,
-
Così gli [[Achei]] dalla robusta lancia
+
Così gli Achei dalla robusta lancia
Di Mennone feroce ivan fuggendo.
Di Mennone feroce ivan fuggendo.
-
Allor fattosi appresso al forte [[Achille]]
+
Allor fattosi appresso al forte Achille
-
[[Nestore]] per lo figlio alto gemendo
+
Nestore per lo figlio alto gemendo
Così gli disse: o de’ gagliardi Greci
Così gli disse: o de’ gagliardi Greci
Saldo riparo, ecco l’amato figlio
Saldo riparo, ecco l’amato figlio
Riga 567: Riga 567:
Mennone là nella battaglia acerba
Mennone là nella battaglia acerba
Strage con l’asta far de’ Greci a schiera,
Strage con l’asta far de’ Greci a schiera,
-
Repente de’ [[Troia]]n ch’egli uccidea
+
Repente de’ Troian ch’egli uccidea
Le misere falangi a lasciar ebbe,
Le misere falangi a lasciar ebbe,
E desioso di battaglia incontro
E desioso di battaglia incontro
Riga 575: Riga 575:
A sasso, che avean già di fertil campo
A sasso, che avean già di fertil campo
Termine posto gli uomini, e con quello
Termine posto gli uomini, e con quello
-
D’[[Achille]] invitto ne ferì lo scudo.
+
D’Achille invitto ne ferì lo scudo.
Ed ei senza temer la vasta pietra,
Ed ei senza temer la vasta pietra,
Tosto a lui si fe presso, e la gran lancia
Tosto a lui si fe presso, e la gran lancia
Riga 583: Riga 583:
L’omero destro a lui sopra lo scudo
L’omero destro a lui sopra lo scudo
Percosse; ed ei colpito a maggior rabbia
Percosse; ed ei colpito a maggior rabbia
-
Destò l’animo intrepido, e d’[[Achille]]
+
Destò l’animo intrepido, e d’Achille
Con l’asta poderosa impiagò il braccio,
Con l’asta poderosa impiagò il braccio,
E sangue uscinne, onde allegrato invano
E sangue uscinne, onde allegrato invano
Riga 598: Riga 598:
Io dell’Aurora valoroso figlio,
Io dell’Aurora valoroso figlio,
Cui già lontan dall’abitabil terra
Cui già lontan dall’abitabil terra
-
Lungo le rive là dell’[[Oceano]]
+
Lungo le rive là dell’Oceano
Le graziose Nesperidi nutriro.
Le graziose Nesperidi nutriro.
E quinci avvien che di te nulla io curi,
E quinci avvien che di te nulla io curi,
Riga 614: Riga 614:
Celesti ed immortal non l’assomiglio.
Celesti ed immortal non l’assomiglio.
Così diss’egli, e sì rispose a lui
Così diss’egli, e sì rispose a lui
-
L’ardito [[Achille]]: o Mennone qual voglia
+
L’ardito Achille: o Mennone qual voglia
Sinistra ha te commosso ad incontrarmi,
Sinistra ha te commosso ad incontrarmi,
E venir meco a pareggiarsi in guerra?
E venir meco a pareggiarsi in guerra?
Meco di te miglior, voglia di stirpe
Meco di te miglior, voglia di stirpe
Di statura e di forze, perchè il sangue
Di statura e di forze, perchè il sangue
-
Famoso mio dal sommo [[Zeus]] scende,
+
Famoso mio dal sommo Zeus scende,
-
E da [[Nereo]] potente, il qual produsse
+
E da Nereo potente, il qual produsse
-
Le [[Nereidi]] sue marine figlie
+
Le Nereidi sue marine figlie
Dagli Dei tutte riverite in cielo,
Dagli Dei tutte riverite in cielo,
E sovra l’altre consigliera illustre
E sovra l’altre consigliera illustre
-
Teti, perocché [[Dioniso]] entro l’albergo
+
Teti, perocché Dioniso entro l’albergo
Ricevé allor che di Licurgo il fero
Ricevé allor che di Licurgo il fero
Gìa furiando incontro lui la forza:
Gìa furiando incontro lui la forza:
Riga 637: Riga 637:
Quando ferito a te dalla mia forza
Quando ferito a te dalla mia forza
Trapasserà l’asta ferrata il core.
Trapasserà l’asta ferrata il core.
-
Per cagion di [[Patroclo]] [[Ettore]] uccisi,
+
Per cagion di Patroclo Ettorre uccisi,
Or per cagion di Antiloco a te sopra
Or per cagion di Antiloco a te sopra
Verserò la vendetta, e sì vedrai
Verserò la vendetta, e sì vedrai
Riga 645: Riga 645:
Delle madri di noi narrando l’opre,
Delle madri di noi narrando l’opre,
E di noi stessi? Al paragon veniamo:
E di noi stessi? Al paragon veniamo:
-
Ecco [[Ares]] presente, ecco la forza.
+
Ecco Ares presente, ecco la forza.
Detto così, con man la lunga spada
Detto così, con man la lunga spada
Prese, e lo stesso ancor Mennone feo.
Prese, e lo stesso ancor Mennone feo.
Riga 654: Riga 654:
Si troncavan fra lor, mentre fra loro
Si troncavan fra lor, mentre fra loro
E di questi e di quei cozzavan gli elmi.
E di questi e di quei cozzavan gli elmi.
-
[[Zeus]] verso ambedue pensieri amici
+
Zeus verso ambedue pensieri amici
Avendo, dea lor forza, ed ambedue,
Avendo, dea lor forza, ed ambedue,
Rendeva infaticabili e maggiori
Rendeva infaticabili e maggiori
Riga 669: Riga 669:
Risonavano allor d’intorno al tergo
Risonavano allor d’intorno al tergo
L’armi divine. Intanto al ciel salía
L’armi divine. Intanto al ciel salía
-
De’ [[Troia]]n, degli Etiopi, e degli Argivi
+
De’ Troian, degli Etiopi, e degli Argivi
Feroci il suon che altronde iva fra loro
Feroci il suon che altronde iva fra loro
Mescendo la battaglia; e sotto a’ piedi
Mescendo la battaglia; e sotto a’ piedi
Riga 691: Riga 691:
Spingeano a faticar senza riposo
Spingeano a faticar senza riposo
Nell’acerbo tumulto; e non cessava
Nell’acerbo tumulto; e non cessava
-
Dall’orribile strage il fero [[Ares]];
+
Dall’orribile strage il fero Ares;
E d’ogni intorno si tingea la terra
E d’ogni intorno si tingea la terra
Di sangue sparso, onde godea la negra
Di sangue sparso, onde godea la negra
Riga 697: Riga 697:
Che fra il corso del Xanto in mezzo è chiuso
Che fra il corso del Xanto in mezzo è chiuso
E Simoenta, che discesi d’ida
E Simoenta, che discesi d’ida
-
Entro al sacro [[Ellesponto]] a cader vanno.
+
Entro al sacro Ellesponto a cader vanno.
Ma quando già de’ due guerrier pugnanti
Ma quando già de’ due guerrier pugnanti
Si allungava il conflitto, e non v’avea
Si allungava il conflitto, e non v’avea
Fra lor due di fortezza alcun vantaggio,
Fra lor due di fortezza alcun vantaggio,
Gli Dei mirando lor tratti in disparte
Gli Dei mirando lor tratti in disparte
-
Altri si compiacea del fiero [[Achille]],
+
Altri si compiacea del fiero Achille,
Dell’Aurora altri e di Titon pendea
Dell’Aurora altri e di Titon pendea
Verso il divino figlio; e intanto il vasto
Verso il divino figlio; e intanto il vasto
Riga 709: Riga 709:
Terra d’ambedue lor sotto le piante.
Terra d’ambedue lor sotto le piante.
Tremavan paventose intorno a Teti
Tremavan paventose intorno a Teti
-
Del ‘superbo [[Nereo]] tutte le figlie,
+
Del ‘superbo Nereo tutte le figlie,
-
E per cagion d’[[Achille]] il poderoso
+
E per cagion d’Achille il poderoso
Altissimo timor chiudean nell’alma.
Altissimo timor chiudean nell’alma.
Per l’amato figliuol l’Aurora ess’anco
Per l’amato figliuol l’Aurora ess’anco
Riga 716: Riga 716:
E le figlie del Sol non lunge a lei
E le figlie del Sol non lunge a lei
Stavan meravigliando intorno al grande
Stavan meravigliando intorno al grande
-
Cerchio, che [[Zeus]] al Sol giammai non stanco
+
Cerchio, che Zeus al Sol giammai non stanco
Di faticar, concesse, ov’egli il corso
Di faticar, concesse, ov’egli il corso
Rivolgesse dell’anno, onde ciascuna
Rivolgesse dell’anno, onde ciascuna
Riga 722: Riga 722:
Col rivolger degli anni intorno il tempo.
Col rivolger degli anni intorno il tempo.
E certo fra gli Dei nato sarebbe
E certo fra gli Dei nato sarebbe
-
Contrasto allor, se per voler di [[Zeus]]
+
Contrasto allor, se per voler di Zeus
Altitonante e quinci e quindi appresso
Altitonante e quinci e quindi appresso
Non si fossero a lor poste repente
Non si fossero a lor poste repente
Due tenebrose Parche, la pia fosca
Due tenebrose Parche, la pia fosca
Di Mennone alla vita, e la più chiara
Di Mennone alla vita, e la più chiara
-
Presso il prudente [[Achille]], il che mirando
+
Presso il prudente Achille, il che mirando
Gli Dei gran voce alzaro, e questi assalse
Gli Dei gran voce alzaro, e questi assalse
Alto dolor, quegli ebber gaudio e gioia.
Alto dolor, quegli ebber gaudio e gioia.
Riga 736: Riga 736:
Detto avresti quel dì nel crudo assalto
Detto avresti quel dì nel crudo assalto
Pugnar fra lor gl’indomiti giganti,
Pugnar fra lor gl’indomiti giganti,
-
O i [[Titani]] robusti. Aspra battaglia
+
O i Titani robusti. Aspra battaglia
Destavasi fra lor, qualor co’ brandi
Destavasi fra lor, qualor co’ brandi
Moveansi incontro, o se veloci e pronti
Moveansi incontro, o se veloci e pronti
Riga 744: Riga 744:
Scogli stavano immobili, e vestiti
Scogli stavano immobili, e vestiti
Di valorosa forza, perocché ambo
Di valorosa forza, perocché ambo
-
Gloriavansi il suo sangue aver da [[Zeus]].
+
Gloriavansi il suo sangue aver da Zeus.
Quinci il conflitto loro, e de’ compagni
Quinci il conflitto loro, e de’ compagni
Resistenti ostinati in quella guerra
Resistenti ostinati in quella guerra
Riga 773: Riga 773:
Non eran più fra lor, com’anzi, eguali.
Non eran più fra lor, com’anzi, eguali.
Onde colà ‘ve fondamento ha il petto
Onde colà ‘ve fondamento ha il petto
-
[[Achille]] il divin Mennone ferío,
+
Achille il divin Mennone ferío,
E trapassò la tenebrosa spada
E trapassò la tenebrosa spada
Dall’altra parte, e la fiorita e lieta
Dall’altra parte, e la fiorita e lieta
-
[[Zeus]]ntute di lui repente sciolse,
+
Zeusntute di lui repente sciolse,
Cadea nell’atro sangue egli, e destaro
Cadea nell’atro sangue egli, e destaro
Nel suo cader grave rimbombo l’arme,
Nel suo cader grave rimbombo l’arme,
Riga 788: Riga 788:
Materno, con grand’impeto concorso
Materno, con grand’impeto concorso
Tutti i rapidi venti in mezzo al campo
Tutti i rapidi venti in mezzo al campo
-
Fecer di [[Priamo]], ed all’estinto eroe
+
Fecer di Priamo, ed all’estinto eroe
Si diffusero intorno, e con veloce
Si diffusero intorno, e con veloce
Forza rapito dell’Aurora il figlio
Forza rapito dell’Aurora il figlio
Riga 815: Riga 815:
Né gli Etìopi già gran tempo lunge
Né gli Etìopi già gran tempo lunge
Errando gian dal lor signore ucciso;
Errando gian dal lor signore ucciso;
-
Perocché [[Zeus]] lor diè ratto il moto,
+
Perocché Zeus lor diè ratto il moto,
Ed al pronto voler prestezza giunse;
Ed al pronto voler prestezza giunse;
Poiché doveano in breve esser rapiti
Poiché doveano in breve esser rapiti
Riga 832: Riga 832:
Da caligine cinti oscura ed atra
Da caligine cinti oscura ed atra
Gian de’ venti seguendo il presto volo.
Gian de’ venti seguendo il presto volo.
-
Meravigliansi in un [[Troia]]ni e Greci,
+
Meravigliansi in un Troiani e Greci,
Quando col rege lor tutti spariro:
Quando col rege lor tutti spariro:
D’incredibil stupor colmi la mente
D’incredibil stupor colmi la mente
Riga 852: Riga 852:
Alla cura di cui commesto è l’alto
Alla cura di cui commesto è l’alto
Corso d’Iperion, la notte, l’alba,
Corso d’Iperion, la notte, l’alba,
-
E quanto avvien per lo voler di [[Zeus]]:
+
E quanto avvien per lo voler di Zeus:
Al cui palagio, alle cui salde porte
Al cui palagio, alle cui salde porte
Sempre girando, e quinci e quindi intorno
Sempre girando, e quinci e quindi intorno
Riga 878: Riga 878:
Ov’è diffuso il tenebroso abisso
Ov’è diffuso il tenebroso abisso
E l’informe caligine ed orrenda,
E l’informe caligine ed orrenda,
-
Per far che [[Zeus]] stesso anche si doglia;
+
Per far che Zeus stesso anche si doglia;
Perocché non son io d’onor men degna
Perocché non son io d’onor men degna
-
Della Nereide, o dell’istesso [[Zeus]],
+
Della Nereide, o dell’istesso Zeus,
Io che il tutto pur veggio, ed al suo fine
Io che il tutto pur veggio, ed al suo fine
Il tutto scorgo, ahimè! sebbene indarno
Il tutto scorgo, ahimè! sebbene indarno
Riga 905: Riga 905:
Pernottando alloggiati, e lieti e mesti
Pernottando alloggiati, e lieti e mesti
Erano insieme; perchè in un festosi
Erano insieme; perchè in un festosi
-
Donavan lodi al valoroso [[Achille]],
+
Donavan lodi al valoroso Achille,
Parte piangeano Antiloco, tal che era
Parte piangeano Antiloco, tal che era
Mista insieme fra lor la gioia e il pianto.
Mista insieme fra lor la gioia e il pianto.
Riga 918: Riga 918:
E la reina lor mesta vedendo
E la reina lor mesta vedendo
Attendean desiosi il suo ritorno.
Attendean desiosi il suo ritorno.
-
[[Zeus]] quinci adirato in guisa orrenda
+
Zeus quinci adirato in guisa orrenda
Tonò, e tutta ne tremò la terra,
Tonò, e tutta ne tremò la terra,
Ed orribil terror n’ebbe l’Aurora.
Ed orribil terror n’ebbe l’Aurora.
Riga 933: Riga 933:
Quinci ad onor di Mennone fra loro
Quinci ad onor di Mennone fra loro
Vanno guerra mescendo; ed egli intanto
Vanno guerra mescendo; ed egli intanto
-
La negli alberghi di [[Ade]], o sia
+
La negli alberghi di Ade, o sia
Pur de’ Beati, entro gli Elisi campi,
Pur de’ Beati, entro gli Elisi campi,
Giubbila; e ciò mirando anco nell’alma
Giubbila; e ciò mirando anco nell’alma
Riga 945: Riga 945:
Ed essa allor volando al ciel salìo
Ed essa allor volando al ciel salìo
In compagnia delle dissimil ore,
In compagnia delle dissimil ore,
-
Che lei benché malgrado al suol di [[Zeus]]
+
Che lei benché malgrado al suol di Zeus
Consolando guidar con dolci detti,
Consolando guidar con dolci detti,
Con detti, lei dolente, a cui la grave
Con detti, lei dolente, a cui la grave
Doglia dà luogo, e cede, e non la prese
Doglia dà luogo, e cede, e non la prese
Dal consueto suo viaggio oblìo:
Dal consueto suo viaggio oblìo:
-
Sì l’alto minacciar temea di [[Zeus]],
+
Sì l’alto minacciar temea di Zeus,
Da cui tutto ha principio, e quanto in seno
Da cui tutto ha principio, e quanto in seno
Stringon dell’Ocean l’acque, la terra,
Stringon dell’Ocean l’acque, la terra,
Image Plus

Nota: tutti i contributi inviati a Il Crepuscolo degli Dèi possono essere modificati, stravolti o cancellati da parte degli altri partecipanti. Se non desideri che i tuoi testi possano essere modificati senza alcun riguardo, non inviarli a questo sito.
Con l'invio del testo dichiari inoltre, sotto la tua responsabilità, che il testo è stato scritto da te personalmente oppure che è stato copiato da una fonte di pubblico dominio o analogamente libera. (vedi Il_Crepuscolo_degli_Dèi:Copyright per maggiori dettagli) NON INVIARE MATERIALE COPERTO DA DIRITTO DI AUTORE SENZA AUTORIZZAZIONE!


Annulla | Guida (si apre in una nuova finestra)