Modifica di Biblioteca:Orlando Furioso, Canto XLIII



				

				

Attenzione: Accesso non effettuato. Nella cronologia della pagina verrà registrato l'indirizzo IP.

ATTENZIONE: Questa pagina è lunga 60 kilobyte; alcuni browser potrebbero presentare dei problemi nella modifica di pagine che si avvicinano o superano i 32 KB. Valuta l'opportunità di suddividere la pagina in sezioni più piccole.

Questa modifica può essere annullata. Verificare il confronto presentato di seguito per accertarsi che il contenuto corrisponda a quanto desiderato e quindi salvare le modifiche per completare la procedura di annullamento.

Versione corrente Il tuo testo
Riga 576: Riga 576:
ch'avria il bel loco, d'ogni sorte rara;
ch'avria il bel loco, d'ogni sorte rara;
che tante spezie d'animali, quante
che tante spezie d'animali, quante
-
vi fien, né in mandra [[Circe]] ebbe né in hara;
+
vi fien, né in mandra Circe ebbe né in hara;
che v'avria con le Grazie e con Cupido
che v'avria con le Grazie e con Cupido
Venere stanza, e non più in [[Cipro]] o in Gnido:
Venere stanza, e non più in [[Cipro]] o in Gnido:
Image Plus

Nota: tutti i contributi inviati a Il Crepuscolo degli Dèi possono essere modificati, stravolti o cancellati da parte degli altri partecipanti. Se non desideri che i tuoi testi possano essere modificati senza alcun riguardo, non inviarli a questo sito.
Con l'invio del testo dichiari inoltre, sotto la tua responsabilità, che il testo è stato scritto da te personalmente oppure che è stato copiato da una fonte di pubblico dominio o analogamente libera. (vedi Il_Crepuscolo_degli_Dèi:Copyright per maggiori dettagli) NON INVIARE MATERIALE COPERTO DA DIRITTO DI AUTORE SENZA AUTORIZZAZIONE!


Annulla | Guida (si apre in una nuova finestra)