Modifica di Altemene

Attenzione: non hai effettuato l'accesso. Se effettuerai delle modifiche il tuo indirizzo IP sarà visibile pubblicamente. Se accedi o crei un'utenza, le tue modifiche saranno attribuite al tuo nome utente, insieme ad altri benefici.

Questa modifica può essere annullata. Controlla le differenze mostrate sotto fra le due versioni per essere certo che il contenuto corrisponda a quanto desiderato, e quindi salvare le modifiche per completare la procedura di annullamento.
Versione attuale Il tuo testo
Riga 1: Riga 1:
{{Voce
 
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 
|nome originale=-
 
|altri nomi=-
 
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|200px]]
 
|etimo=-
 
|sesso=Maschio
 
|sezione=Mitologia Classica
 
|continente=Europa
 
|area=Mediterraneo
 
|paese=Grecia
 
|origine=Greci
 
|tipologia=Umani
 
|sottotipologia=Nobili
 
|specificità=Principi
 
|sub=-
 
|indole=Malevola
 
|aspetto=Antropomorfo
 
|animali=-
 
|piante=-
 
|attributi=-
 
|elemento=-
 
|habitat=-
 
|ambiti=[[Elenchi:Esilio|Esilio]], [[Elenchi:Fratricidio|Fratricidio]], [[Elenchi:Parricidio|Parricidio]]
 
}}
 
 
 
Figlio di [[Catreo]], fratello di [[Erope]], di [[Climene]] e di [[Apemosine]]. Appreso dall'oracolo di [[Delfi]] che il padre sarebbe stato ucciso da uno dei figli, per scongiurare il pericolo uccise la sorella Apemosine, che era stata violentata da [[Ermes]], e diede in spose a principi forestieri le altre sorelle, fatto ciò si esiliò di sua volontà e andò a vivere a [[Rodi]]. Il padre triste per aver così perduto il figlio che amava fortemente non potendo vivere senza di lui allestì una flotta e partì alla sua ricerca approdando su Rodi dove gli abitanti considerandolo un invasore presero le armi contro [[Catreo]]: nel combattimento che ne seguì [[Catreo]] riportò una ferita mortale inflittagli da una freccia scagliata giusto da Altemene che era corso per spogliarlo (era usanza dopo avere ucciso il nemico di privarlo delle armi), quando, giunto vicino, si accorse con orrore di avere colpito il padre che aveva inutilmente cercato di salvare. Disperato chiese agli dei di essere inghiottito vivo dalla terra, venendo esaudito.
 
Figlio di [[Catreo]], fratello di [[Erope]], di [[Climene]] e di [[Apemosine]]. Appreso dall'oracolo di [[Delfi]] che il padre sarebbe stato ucciso da uno dei figli, per scongiurare il pericolo uccise la sorella Apemosine, che era stata violentata da [[Ermes]], e diede in spose a principi forestieri le altre sorelle, fatto ciò si esiliò di sua volontà e andò a vivere a [[Rodi]]. Il padre triste per aver così perduto il figlio che amava fortemente non potendo vivere senza di lui allestì una flotta e partì alla sua ricerca approdando su Rodi dove gli abitanti considerandolo un invasore presero le armi contro [[Catreo]]: nel combattimento che ne seguì [[Catreo]] riportò una ferita mortale inflittagli da una freccia scagliata giusto da Altemene che era corso per spogliarlo (era usanza dopo avere ucciso il nemico di privarlo delle armi), quando, giunto vicino, si accorse con orrore di avere colpito il padre che aveva inutilmente cercato di salvare. Disperato chiese agli dei di essere inghiottito vivo dalla terra, venendo esaudito.
  
[[Categoria:Mitologia Classica]]
 
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Europa]]
 
[[Categoria:Europa]]

Per favore tieni presente che tutti i contributi a Il Crepuscolo degli Dèi possono essere modificati, stravolti o cancellati da altri contributori. Se non vuoi che i tuoi testi possano essere alterati, allora non inserirli.
Inviando il testo dichiari inoltre, sotto tua responsabilità, che è stato scritto da te personalmente oppure è stato copiato da una fonte di pubblico dominio o similarmente libera (vedi Il Crepuscolo degli Dèi:Copyright per maggiori dettagli). Non inviare materiale protetto da copyright senza autorizzazione!

Annulla Guida (si apre in una nuova finestra)

Template utilizzato in questa pagina: