Differenze tra le versioni di "Aleandra"

(Nuova pagina: Una tipica forma di succubo è il fantasma di Aleandra che appare nel castello abbandonato di Vicalvi (Frosinone). Si tratta d'una giovane donna che vaga discinta per le mura diroccate...)
 
m (Sostituzione testo - "==Bibliografia==" con "==BIBLIOGRAFIA==")
 
(12 versioni intermedie di uno stesso utente non sono mostrate)
Riga 1: Riga 1:
Una tipica forma di succubo è il fantasma di Aleandra che appare nel castello abbandonato di Vicalvi (Frosinone). Si tratta d'una giovane donna che vaga discinta per le mura diroccate: se incontraun uomo che le piace lo invita a seguirla con sorrisi e ammiccamenti seducenti fino a portarlo in un recesso scuro dove lo seduce passando con lui ore di piacere, finché il suo corpo comincia a svanire lasciando tra le braccia del malcapitato una voluta evanescente di nebbia gelida che provoca terrore e sgomento.
+
{{Itinerari
Si vuole che sia l'ombra di Aleandra Maddaloni, moglie del signore del luogo, vissuta nel XVIII secolo. Donna straordinariamente bella e viziosa seduceva tutti i giovani che le piacevano invitandoli nel castello quando lo sposo era assente. Ottenuto quanto desiderava li faceva morire in un profondissimo pozzo aiutata da un fidato servitore. Siccome, in assenza del marito i giovani continuavano a sparire, i contadini sospettosi, la denunciarono segretamente al consorte.
+
|anagrafica= SCHEDA
Questi scoprì l'infamia di Aleandra e la fece murare viva in una cella della torre, ma si vede che anche l'orribile castigo non è bastato.
+
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|200px]]
 +
|sezione=Itinerari Arcani
 +
|tipologia=Luoghi Infestati
 +
|origine=Italia
 +
|regione=Lazio
 +
|ambiti=Fantasmi
 +
}}
  
 +
Una tipica forma di [[succubus]] è il fantasma di Aleandra che appare nel castello abbandonato di Vicalvi (Frosinone). Si tratta d'una giovane donna che vaga discinta per le mura diroccate: se incontra un uomo che le piace lo invita a seguirla con sorrisi e ammiccamenti seducenti fino a portarlo in un recesso scuro dove lo seduce passando con lui ore di piacere, finché il suo corpo comincia a svanire lasciando tra le braccia del malcapitato una voluta evanescente di nebbia gelida che provoca terrore e sgomento.
 +
<br>Si vuole che sia l'ombra di Aleandra Maddaloni, moglie del signore del luogo, vissuta nel XVIII secolo. Donna straordinariamente bella e viziosa seduceva tutti i giovani che le piacevano invitandoli nel castello quando lo sposo era assente. Ottenuto quanto desiderava li faceva morire in un profondissimo pozzo aiutata da un fidato servitore. Siccome, in assenza del marito i giovani continuavano a sparire, i contadini sospettosi, la denunciarono segretamente al consorte.
 +
<br>Questi scoprì l'infamia di Aleandra e la fece murare viva in una cella della torre, ma si vede che anche l'orribile castigo non è bastato.
 +
 +
==BIBLIOGRAFIA==
 +
===Fonti moderne===
 +
<bibimport/>
 +
*<bib id="LAPUCCI 1991"></bib>
 +
 +
[[Categoria:Creature Fantastiche]]
 +
[[Categoria:Non Morti]]
 
[[Categoria:Fantasmi]]
 
[[Categoria:Fantasmi]]
[[Categoria:Frosinone (Itinerari Arcani)]]
+
[[Categoria:Itinerari Arcani]]
 +
[[Categoria:Europa]]
 +
[[Categoria:Mediterraneo]]
 +
[[Categoria:Italia]]
 +
[[Categoria:Lazio]]
 +
[[Categoria:Sesso: Femmina]]
 +
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
 +
[[Categoria:Indole: Malevola]]
 +
[[Categoria:Elemento: Non specificato]]
 +
[[Categoria:Habitat: Castello]]

Versione attuale delle 20:09, 2 lug 2020

SCHEDA
Noimage.jpg
Sezione: Itinerari Arcani
Tipologia: Luoghi Infestati
Origine: Italia
Regione: Lazio
Tematiche: Fantasmi

Una tipica forma di succubus è il fantasma di Aleandra che appare nel castello abbandonato di Vicalvi (Frosinone). Si tratta d'una giovane donna che vaga discinta per le mura diroccate: se incontra un uomo che le piace lo invita a seguirla con sorrisi e ammiccamenti seducenti fino a portarlo in un recesso scuro dove lo seduce passando con lui ore di piacere, finché il suo corpo comincia a svanire lasciando tra le braccia del malcapitato una voluta evanescente di nebbia gelida che provoca terrore e sgomento.
Si vuole che sia l'ombra di Aleandra Maddaloni, moglie del signore del luogo, vissuta nel XVIII secolo. Donna straordinariamente bella e viziosa seduceva tutti i giovani che le piacevano invitandoli nel castello quando lo sposo era assente. Ottenuto quanto desiderava li faceva morire in un profondissimo pozzo aiutata da un fidato servitore. Siccome, in assenza del marito i giovani continuavano a sparire, i contadini sospettosi, la denunciarono segretamente al consorte.
Questi scoprì l'infamia di Aleandra e la fece murare viva in una cella della torre, ma si vede che anche l'orribile castigo non è bastato.

BIBLIOGRAFIA[modifica]

Fonti moderne[modifica]