Zhiva

(Reindirizzamento da Ziwia)



				

				
SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: Zivena, Zhivena, Ziwia, Zhiwa, Siva, Sieba, Razivia, Raziwia, Zywie, Giva, Jiva
Etimologia: colei che esiste
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Slava
Continente: Europa
Area: Europa dell'Est
Paese: Germania, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia
Popolo/Regione: Slavi occidentali
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: Divinità delle Astrazioni
Specificità: Divinità dell'Amore
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: Terra
Habitat: Cielo
Tematiche: Amore, Fertilità, Primavera

Dea slava dell'amore, della fertilità, della primavera e della vita in tutte le sue manifestazioni. Suo compagno era Zhibog. Prima della diffusione del Cristianesimo era venerata soprattutto nel territorio oggi ricompreso tra Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Germania (in particolare la valle del fiume Elba).

Indice

[modifica] Etimologia

Il suo nome significa vivere, essere, esistere.

[modifica] Iconografia

È spesso rappresentata come una giovane donna con i capelli lunghi.

[modifica] Culto

In Russia si festeggia il 1 maggio, giorno di Zhivin (Živa è forma abbreviata del nome Zhivena o Ziewonia, che significa "dare vita") la dea della vita, della primavera, della fertilità, della nascita, del granoturco.

[modifica] Fonti

Nella Cronica Slavorum del Venerabile Helmoldo Presbitero è descritta come Siwa dea Polaborum, insieme a Prove deus Aldenburgensis terrae e Radigast deus terrae Obotritorum.
La prima descrizione della divinità è in Saxon Chronicles.
Nel manoscritto medievale Mater Verborum (conservato presso la Biblioteca del Museo Nazionale Ceco dal 1818, dono del conte Kolowrat Breznetskoy) la dea Siwa è fatta corrispondere alla romana Cerere, dea della fertilità: Ceres, fruges, frumentum, vel dea frumenti: siua, Dea frumenti, Ceres: Sius .

[modifica] Interpretazione

Per il polacco J. Dlugosz Givet, Zywye è la divinità della vita, così come per il serbo Abramo Frenzel che la definisce Siwa Polon. Zyvvie, Dea Vita. Infine, per l'autore polacco-lituano Maciej Stryjkovsky si collega al dio del vento e a quello del tempo, dio del giorno luminoso e della felicità.