Yaksha

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Indo-Iranica
 +
|continente=Asia
 +
|area=Asia Meridionale
 +
|paese=India
 +
|origine=Hindu
 +
|tipologia=Creature Fantastiche
 +
|sottotipologia=Esseri Intermediari
 +
|specificità=Elementari
 +
|indole=Neutrale
 +
|aspetto=Mutante
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=Terra
 +
|habitat=Foresta
 +
|ambiti=-
 +
}}
 +
Il nome significa probabilmente "esseri misteriosi" o "meravigliosi" e si riferisce ad una classe di spiriti legati principalmente alla vegetazione, che dimorano nei boschi e nelle foreste. Questi esseri possono assumere qualsiasi forma, anche, e soprattutto, ibrida: così vediamo in un fregio erotico ad Aihole delle Yakshi a testa di cavallo e corpo di donna. Il loro capo è [[Kubera]], ma hanno stretti rapporti anche con [[Ganesha]], il cui aspetto insolito potrebbe anche indicare una sua primitiva appartenenza a questa classe di spiriti. L'aspetto meraviglioso ed immaginifico degli Yaksha ed il loro legame con la natura, ne ha fatto delle semidivinità molto popolari e venerate. Ad essi si fanno offerte e sacrifici, soprattutto in relazione alla loro qualità di esseri della natura, e quindi legati alla fertilità. In alcune rare occasioni acquistano una colorazione più sinistra ed un carattere sanguinario, e vengono accostati ai [[Bhuta]] ed ai [[Pisaca]].
Il nome significa probabilmente "esseri misteriosi" o "meravigliosi" e si riferisce ad una classe di spiriti legati principalmente alla vegetazione, che dimorano nei boschi e nelle foreste. Questi esseri possono assumere qualsiasi forma, anche, e soprattutto, ibrida: così vediamo in un fregio erotico ad Aihole delle Yakshi a testa di cavallo e corpo di donna. Il loro capo è [[Kubera]], ma hanno stretti rapporti anche con [[Ganesha]], il cui aspetto insolito potrebbe anche indicare una sua primitiva appartenenza a questa classe di spiriti. L'aspetto meraviglioso ed immaginifico degli Yaksha ed il loro legame con la natura, ne ha fatto delle semidivinità molto popolari e venerate. Ad essi si fanno offerte e sacrifici, soprattutto in relazione alla loro qualità di esseri della natura, e quindi legati alla fertilità. In alcune rare occasioni acquistano una colorazione più sinistra ed un carattere sanguinario, e vengono accostati ai [[Bhuta]] ed ai [[Pisaca]].
Riga 7: Riga 32:
[[Categoria:India]]
[[Categoria:India]]
[[Categoria:Creature Fantastiche]]
[[Categoria:Creature Fantastiche]]
-
[[Categoria:Semidei]]
 
[[Categoria:Esseri Intermediari]]
[[Categoria:Esseri Intermediari]]
[[Categoria:Elementali]]
[[Categoria:Elementali]]

Versione del 20:32, 2 dic 2019

SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Indo-Iranica
Continente: Asia
Area: Asia Meridionale
Paese: India
Popolo/Regione: Hindu
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Creature Fantastiche
Sottotipologia: Esseri Intermediari
Specificità: Elementari
ATTRIBUTI
Aspetto: Mutante
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Neutrale
Elemento: Terra
Habitat: Foresta
Tematiche: -

Il nome significa probabilmente "esseri misteriosi" o "meravigliosi" e si riferisce ad una classe di spiriti legati principalmente alla vegetazione, che dimorano nei boschi e nelle foreste. Questi esseri possono assumere qualsiasi forma, anche, e soprattutto, ibrida: così vediamo in un fregio erotico ad Aihole delle Yakshi a testa di cavallo e corpo di donna. Il loro capo è Kubera, ma hanno stretti rapporti anche con Ganesha, il cui aspetto insolito potrebbe anche indicare una sua primitiva appartenenza a questa classe di spiriti. L'aspetto meraviglioso ed immaginifico degli Yaksha ed il loro legame con la natura, ne ha fatto delle semidivinità molto popolari e venerate. Ad essi si fanno offerte e sacrifici, soprattutto in relazione alla loro qualità di esseri della natura, e quindi legati alla fertilità. In alcune rare occasioni acquistano una colorazione più sinistra ed un carattere sanguinario, e vengono accostati ai Bhuta ed ai Pisaca.