Vodjanoj

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome orig.: -
Altri nomi: Vodyanoy
Etimologia: -
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Slava
Continente: Europa
Area: Europa dell'Est
Paese: Russia
Origine: Slavi orientali
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Subtipologia: -
Specificità: -
Subspecifica: [[:Elenchi:{{{sub}}}|{{{sub}}}]]
CARATTERI
Aspetto: Uomo-Animale
Indole: Malevola
Elemento: Acqua
Habitat: Fiume
ATTRIBUTI
Fisici
{{{fisici1}}} {{{fisici2}}}
{{{fisici3}}} {{{fisici4}}}
{{{fisici5}}} {{{fisici6}}}
Animali
{{{animali1}}} {{{animali2}}}
{{{animali3}}} {{{animali4}}}
Vegetali
{{{piante1}}} {{{piante2}}}
{{{piante3}}} {{{piante4}}}
Minerali
{{{minerali1}}} {{{minerali2}}}
{{{minerali3}}} {{{minerali4}}}
Colori
{{{colori1}}} {{{colori2}}}
{{{colori3}}} {{{colori4}}}
Altri
{{{attributi1}}} {{{attributi2}}}
{{{attributi3}}} {{{attributi4}}}
{{{attributi5}}} {{{attributi6}}}
TEMATICHE
{{{ambiti1}}} {{{ambiti2}}}
{{{ambiti3}}} {{{ambiti4}}}
{{{ambiti5}}} {{{ambiti6}}}
{{{ambiti7}}} {{{ambiti8}}}

Divinità acquatica, che vive sul fondo del lago oppure vicino a mulini e fiumi. Di solito corre lungo il suo fiume su un tronco mezzo affondato, facendo schizzi ad alta voce. Di conseguenza, viene spesso soprannominato "nonno" o "antenato" dalla popolazione locale.
Quando è arrabbiato, il vodjanoj rompe le dighe, allaga i mulini ad acqua e annega persone e animali. Trascina le persone nella sua dimora subacquea per renderle suoi schiavi. Nel nord della Russia, si crede che i vodyanoy abbiano un governante. È un uomo anziano, armato di un bastone. Può salire sul cielo seduto su una nuvola nera e creare nuovi fiumi e laghi. Il suo nome è zar Vodyanik.

Iconografia

Ha le zampe palmate al posto delle mani, la coda di un pesce e gli occhi che bruciano come carboni incandescenti.figurata come vecchietto nudo con un faccia simile a quello di una rana, una barba verdastra, con il corpo coperto di alghe e fango, solitamente coperto di squame di pesce nere. Per ingraziarselo, i pescatori slavi lasciavano in acqua offerte di burro, mentre i mugnai gli sacrificavano delle scrofe.