Turno

Versione del 16:45, 27 apr 2011, autore: 79.23.168.149 (discussione)




				

				

Figlio di Dauno e di Venilia, fratello di Giuturna; giovane re dei Rutuli, fu il massimo nemico di Enea nella guerra tra troiani e italici. Era stato promesso in matrimonio a Lavinia, principessa di Laurento, ma il padre di lei, il re Latino, la assegnò poi al capo troiano Enea quando questi sbarcò nel Lazio.

Indice

La guerra italica

In seguito all'uccisione del giovane cortigiano latino Almone, avvenuta in una rissa coi troiani, Turno si pose alla testa del partito favorevole alla guerra, che alla fine prevalse. Il conflitto fu aspro e duro. Approfittando dell'assenza di Enea, allontanatosi dal Lazio alla ricerca di alleati, Turno riuscì a entrare nel campo troiano facendo molte vittime, prima di venirne ricacciato all'esterno. Enea, ritornato presso i suoi con un grande contingente di Etruschi, Arcadi e Liguri, inflisse gravi perdite agli italici. Il re rutulo allora sfidò a duello Pallante, il maggior alleato dei troiani, uccidendolo; Enea per rappresaglia fece una grande strage di italici, costringendo il loro esercito a desistere dall'assedio alla cittadella troiana. Le successive giornate di guerra furono rovinose per Turno, che alla fine decise di affrontare Enea in singolar tenzone.

La morte

Ferito in duello da Enea, Turno si dichiarò vinto e fece appello al nemico perché lo risparmiasse. Enea stava per cedere, ma avendo improvvisamente scorto il cinturone che Turno aveva sottratto a Pallante, si fece vendicatore dell'uccisione del suo caro amico conficcando la spada nel petto del giovane italico, che morì emettendo un rantolo atroce.

Condottieri rutuli dell'esercito di Turno nella guerra troiano-italica

Condottieri alleati di Turno nella guerra troiano-italica

Vittime di Turno nella guerra troiano-italica

Fonti