Timbro

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
(La morte)
(La morte)
'' te per suo riconobbe, e con le dita ''
'' te per suo riconobbe, e con le dita ''
''strinse il tuo ferro, e 'l brancicò più volte''. </poem>
''strinse il tuo ferro, e 'l brancicò più volte''. </poem>
 +
 +
== INTERPRETAZIONE ==
 +
Laride e Timbro sono probabilmente le vittime più celebri di Pallante, pur non appartenendo a una stirpe illustre. L'episodio con la loro uccisione si apre in modo inconsueto, col poeta che apostrofa i due giovani defunti; viene quindi rievocata, in versi più elegiaci, la loro serenità tra le pareti domestiche prima della chiamata alle armi; un bozzetto familiare, in cui la straordinaria rassomiglianza dei due giovani fa da elemento di saldatura. Tutto questo sarà spazzato via da due fendenti, nella maniera più macabra possibile
(Virgilio, ''Eneide'')
(Virgilio, ''Eneide'')

Versione del 09:28, 3 lug 2016