Teyrnon



				

				

Nella tradizione gallese, Teyrnon Twrf Liant è il signore del Gwent e il padre putativo di Pryderi. Egli appare maggiormente nella Pwyll Pendefig Dyfed, la prima parte del Mabinogion, ma figura brevemente anche nel racconto Culhwch ac Olwen come cavaliere di re Artù.

[modifica] Etimologia

Il nome deriva dal britannico Tigernonos che significa "gran signore".

[modifica] La leggenda

Il figlio di Pwyll e Rhiannon nato ad Arberth scompare, nella notte della sua nascita, nonostante la presenza di sei dame di compagnia di Rhiannon. Per evitare l'ira del re, le dame sporcano Rhiannon con sangue di cane mentre dorme, accusandola poi di infanticidio e di cannibalismo.
Teyrnon, nel frattempo, è a guardia di una cavalla che partorisce ogni anno, ma i cui puledri scompaiono misteriosamente. Mentre custodisce le sue stalle vede una bestia misteriosa venire a prendere il puledro; Teyrnon allora taglia la zampa della bestia e trova il bambino fuori dalla stalla. Lui e sua moglie accolgono il ragazzo come proprio e lo chiamano Gwri Wallt Euryn (in inglese: Gwri dei capelli d'oro).
Il bambino cresce ad un ritmo sovrumano e, man mano che diventa più grande, la sua somiglianza con Pwyll diventa più evidente e, infine, Teyrnon realizza la vera identità di Gwri. Il ragazzo viene finalmente riportato da Pwyll e Rhiannon e viene rinominato Pryderi. In segno di gratitudine, Pwyll si impegna a mantenere sia Teyrnon che le sue terre fino al giorno della sua morte. Teyrnon e la moglie ritornano a Gwent, tra "gioia e giubilo".