Differenze tra le versioni di "Temisto (1)"

m (Sostituzione testo - 'Categoria:Sovrani' con 'Categoria:Nobili Categoria:Sovrani')
Riga 14: Riga 14:
 
[[Categoria:Grecia]]
 
[[Categoria:Grecia]]
 
[[Categoria:Umani]]
 
[[Categoria:Umani]]
 +
[[Categoria:Nobili]]
 
[[Categoria:Sovrani]]
 
[[Categoria:Sovrani]]
 
[[Categoria:Suicidio]]
 
[[Categoria:Suicidio]]

Versione delle 16:18, 5 ago 2019

Figlia di Ipseo e terza moglie di Atamante dal quale ebbe Leucone, Eritrio, Scheneo e Proo.
Ino, seconda moglie di Atamante, dopo aver cercato di uccidere il figliastro Frisso, si rifugiò sulle montagne con le Baccanti.
Atamante, credendo che Ino fosse morta, si risposò con Temisto; Ino però riapparve e indusse Atamante a riaccoglierla a palazzo come schiava. Temisto sapeva che Ino era ancora viva ma non che ella si trovava nel suo stesso palazzo. Decisa ad uccidere i figli della sua rivale, Temisto ordinò ad una schiava, che era proprio Ino, di vestire di bianco i suoi figli e di nero quelli di Ino. Questa scambiò i vestiti, cosicchè Temisto uccise i propri figli e, quando se ne accorse, si suicidò.

Bibliografia

Fonti antiche