Tartari

(Reindirizzamento da Tatari)



				

				

Termine usato nell'Occidente cristiano per identificare genericamente le popolazioni nomadi centroasiatiche. Derivante da un'alterazione del nome tatari con allusione al Tartaro, cioè all'inferno (con riferimento alle devastazioni e alle crudeltà delle spedizioni di conquista dei mongoli di Gengis Khan), fu successivamente esteso a diverse altre popolazioni di stirpe turca o mongolica. La storia dei tartari venne pertanto a identificarsi con la storia delle diverse popolazioni e organismi politici centroasiatici a partire dal XIII secolo. Il termine tatari (dal turco Tatar) è dunque preferibile, anche se resta largamente impreciso dal punto di vista etnografico e linguistico, e designa un complesso di popolazioni di stirpe turca o mongolica presenti in vasti territori della Russia meridionale (dove sono presenti i tatari di Crimea, del Volga e degli Urali, i baschiri ecc.), in Siberia (tatari siberiani), in Mongolia e ai confini con la Cina. Caratterizzati da una notevole varietà di tipi razziali (con una prevalenza di elementi europoidi), i tatari passarono progressivamente dalle tradizionali attività pastorali nomadiche a forme di attività sedentaria e agricola, e sono in massima parte di religione islamica.