Strega della Valle Anzasca

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
m (Sostituzione testo - 'Categoria:Mediterraneo' con 'Categoria:Europa Centrale')
Versione corrente (08:47, 28 mar 2020) (modifica) (annulla)
 
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Femmina
 +
|sezione=Folklore
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Italia
 +
|origine=Piemonte
 +
|tipologia=Creature Fantastiche
 +
|sottotipologia=Umanoidi
 +
|specificità=Maghi&Streghe
 +
|sub=-
 +
|indole=Malevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=Terra
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=-
 +
}}
 +
Nella valle Anzasca (provincia di Novara), secondo un'antica saga locale, un'altra luce vagante viaggiava, certe notti, sulla strada che da Ponte Grande conduce a Bannio. La tradizione affermava che era l'anima di una strega malefica che tornava per fare i suoi malefici sulle rive del Toce.
Nella valle Anzasca (provincia di Novara), secondo un'antica saga locale, un'altra luce vagante viaggiava, certe notti, sulla strada che da Ponte Grande conduce a Bannio. La tradizione affermava che era l'anima di una strega malefica che tornava per fare i suoi malefici sulle rive del Toce.
 +
[[Categoria:Folklore]]
[[Categoria:Creature Fantastiche]]
[[Categoria:Creature Fantastiche]]
[[Categoria:Europa]]
[[Categoria:Europa]]

Versione corrente