Differenze tra le versioni di "Stafilo"

m (Sostituzione testo - 'Biblioteca, Libro III' con 'Biblioteca, Libro III')
Riga 18: Riga 18:
 
* [[Pausania]], Libro II
 
* [[Pausania]], Libro II
  
 +
[[Categoria:Mitologia Classica]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Europa]]
 
[[Categoria:Europa]]

Versione delle 20:41, 12 dic 2018

Figlio di Arianna e Dioniso, fu uno degli Argonauti.

Nascita

Quando Teseo abbandonò Arianna sull'isola di Nasso, ella incontrò il dio Dioniso, subito entrambi furono colti dalla passione e lei generò diversi figli, fra cui Stafilo. Alla morte di Radamanto egli ebbe come eredità l'isola di Pepareto.

Matrimoni e figli

Ebbe una figlia da Crisotemi, Reo, che rimase incinta di Apollo. Quando Stafilo comprese che sua figlia aveva avviato una gravidanza, infuriato la rinchiuse in uno scrigno e la gettò alla furia del mare. La ragazza spinta dalle correnti marine arrivò fino alle spiagge dell'Eubea dove generò Anio.

La spedizione con gli Argonauti

Quando Giasone mandò gli araldi in cerca di avventurieri per il recupero del vello d’oro, il prode Stafilo subito rispose alla chiamata e con tutti gli altri partì sull'Argo. In una delle loro avventure chiesero l’aiuto del re di Delo, che era proprio Anio, il nipote di Stafilo, ma i due non si riconobbero.


Bibliografia

Fonti Antiche