Differenze tra le versioni di "Stafilo"

m (Sostituzione testo - "==Nascita==" con "==NASCITA==")
m (Sostituzione testo - "==Bibliografia==" con "==BIBLIOGRAFIA==")
 
Riga 11: Riga 11:
  
  
==Bibliografia==
+
==BIBLIOGRAFIA==
 
===Fonti Antiche===
 
===Fonti Antiche===
 
* [[Ditti Cretese]], Libro I  
 
* [[Ditti Cretese]], Libro I  

Versione attuale delle 11:40, 19 lug 2020

Figlio di Arianna e Dioniso, fu uno degli Argonauti.

NASCITA[modifica]

Quando Teseo abbandonò Arianna sull'isola di Nasso, ella incontrò il dio Dioniso, subito entrambi furono colti dalla passione e lei generò diversi figli, fra cui Stafilo. Alla morte di Radamanto egli ebbe come eredità l'isola di Pepareto.

Matrimoni e figli[modifica]

Ebbe una figlia da Crisotemi, Reo, che rimase incinta di Apollo. Quando Stafilo comprese che sua figlia aveva avviato una gravidanza, infuriato la rinchiuse in uno scrigno e la gettò alla furia del mare. La ragazza spinta dalle correnti marine arrivò fino alle spiagge dell'Eubea dove generò Anio.

La spedizione con gli Argonauti[modifica]

Quando Giasone mandò gli araldi in cerca di avventurieri per il recupero del vello d’oro, il prode Stafilo subito rispose alla chiamata e con tutti gli altri partì sull'Argo. In una delle loro avventure chiesero l’aiuto del re di Delo, che era proprio Anio, il nipote di Stafilo, ma i due non si riconobbero.


BIBLIOGRAFIA[modifica]

Fonti Antiche[modifica]