Differenze tra le versioni di "Silvano"

m (Sostituzione testo - 'Categoria:Habitat: Bosco' con 'Categoria:Habitat: Foresta')
Riga 13: Riga 13:
 
[[Categoria:Indole: Benevola]]
 
[[Categoria:Indole: Benevola]]
 
[[Categoria:Elemento: Terra]]
 
[[Categoria:Elemento: Terra]]
[[Categoria:Habitat: Bosco]]
+
[[Categoria:Habitat: Foresta]]

Versione delle 14:36, 5 mag 2019

Da prima epiteto di Fauno poi divinità a sé. Dio delle selve, delle campagne, degli animali, dei confini. Il suo culto fu assai esteso nelle campagne. Divenne poi patrono di corporazioni e collegi di vario genere.
Presso gli Etruschi viene chiamato Selvans, ed è frequente trovare il suo nome nelle iscrizioni. In quanto divinità del bosco e delle selve ha aspetto umano, ma è vestito in maniera primitiva, con una pelle di capra, ha una barba incolta e capelli lunghi, così da rappresentare il prototipo dell'Uomo Selvaggio. Pare che l'origine di Silvano debba essere ricercata in Illiria; in epoca più recente fu introdotto anche nei culti mithriaci.
Fu identificato con Pan e con Sileno e fu considerato un dio cosmogonico.