Pomona

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Versione corrente (10:48, 4 gen 2020) (modifica) (annulla)
 
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Femmina
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Italia
 +
|origine=Romani
 +
|tipologia=Divinità
 +
|sottotipologia=Divinità della Natura
 +
|specificità=Divinità della Vegetazione
 +
|indole=Benevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=Terra
 +
|habitat=Cielo
 +
|ambiti=[[Elenchi:Vegetazione|Vegetazione]]
 +
}}
 +
Divinità protettrice dei giardini e degli alberi da frutto, raffigurata come una donna giovane e florida con una cornucopia ricolma di frutti in una mano e un ramo fiorito nell’altra. Era sposa di [[Vertunno]], dio autunnale che presiedeva alla maturazione dei frutti e ai mutamenti di stagione. Respinto dalla dea insieme a tutti gli altri pretendenti, [[Vertunno]] insistette a corteggiarla presentandosi a lei con vari travestimenti, in ultimo quello di una buona vecchia, che prese a lodare l’abilità di lei, le sue coltivazioni, la bellezza dei suoi frutti e dei suoi giardini. Poi la rimproverò per il suo desiderio di vivere da sola, prospettandole le piacevolezze della vita insieme a un bravo giovane. Quando la convinse, si presentò a lei sotto le spoglie di un giovane di suo gradimento e riuscì a sposarla. Sabini e Umbri veneravano in suo luogo una divinità maschile dal nome analogo: Poimuni o Poemune.
Divinità protettrice dei giardini e degli alberi da frutto, raffigurata come una donna giovane e florida con una cornucopia ricolma di frutti in una mano e un ramo fiorito nell’altra. Era sposa di [[Vertunno]], dio autunnale che presiedeva alla maturazione dei frutti e ai mutamenti di stagione. Respinto dalla dea insieme a tutti gli altri pretendenti, [[Vertunno]] insistette a corteggiarla presentandosi a lei con vari travestimenti, in ultimo quello di una buona vecchia, che prese a lodare l’abilità di lei, le sue coltivazioni, la bellezza dei suoi frutti e dei suoi giardini. Poi la rimproverò per il suo desiderio di vivere da sola, prospettandole le piacevolezze della vita insieme a un bravo giovane. Quando la convinse, si presentò a lei sotto le spoglie di un giovane di suo gradimento e riuscì a sposarla. Sabini e Umbri veneravano in suo luogo una divinità maschile dal nome analogo: Poimuni o Poemune.
Riga 9: Riga 34:
[[Categoria:Mediterraneo]]
[[Categoria:Mediterraneo]]
[[Categoria:Italia]]
[[Categoria:Italia]]
-
[[Categoria: Divinità]]
+
[[Categoria:Divinità]]
[[Categoria:Sesso: Femmina]]
[[Categoria:Sesso: Femmina]]
[[Categoria:Indole: Benevola]]
[[Categoria:Indole: Benevola]]
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
[[Categoria:Elemento: Terra]]
[[Categoria:Elemento: Terra]]
-
[[Categoria:Habitat: Non specificato]]
+
[[Categoria:Habitat: Cielo]]
 +
[[Categoria:Vegetazione]]

Versione corrente

SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Italia
Popolo/Regione: Romani
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: Divinità della Natura
Specificità: Divinità della Vegetazione
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: Terra
Habitat: Cielo
Tematiche: Vegetazione

Divinità protettrice dei giardini e degli alberi da frutto, raffigurata come una donna giovane e florida con una cornucopia ricolma di frutti in una mano e un ramo fiorito nell’altra. Era sposa di Vertunno, dio autunnale che presiedeva alla maturazione dei frutti e ai mutamenti di stagione. Respinto dalla dea insieme a tutti gli altri pretendenti, Vertunno insistette a corteggiarla presentandosi a lei con vari travestimenti, in ultimo quello di una buona vecchia, che prese a lodare l’abilità di lei, le sue coltivazioni, la bellezza dei suoi frutti e dei suoi giardini. Poi la rimproverò per il suo desiderio di vivere da sola, prospettandole le piacevolezze della vita insieme a un bravo giovane. Quando la convinse, si presentò a lei sotto le spoglie di un giovane di suo gradimento e riuscì a sposarla. Sabini e Umbri veneravano in suo luogo una divinità maschile dal nome analogo: Poimuni o Poemune.

[modifica] Riferimenti artistici

  • Francesco Melzi, Vertumno e Pomona, dipinto.