Polidoro (3)

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Riga 4: Riga 4:
Entrato a combattere con tanto entusiasmo, Polidoro rimase vittima della propria inesperienza; assalito da [[Achille]], tentò di fuggire, confidando nella straordinaria agilità del suo fisico, ma un'asta del [[Pelide]] lo trafisse alla schiena.
Entrato a combattere con tanto entusiasmo, Polidoro rimase vittima della propria inesperienza; assalito da [[Achille]], tentò di fuggire, confidando nella straordinaria agilità del suo fisico, ma un'asta del [[Pelide]] lo trafisse alla schiena.
-
== Fonti ==
+
== Bibliografia ==
-
*Omero, ''[[Iliade]]''
+
=== Fonti Antiche ===
 +
*[[Omero]], ''[[Iliade]]''

Versione del 08:29, 10 mag 2012

Figlio di Priamo e Laotoe e fratello di Licaone; bellissimo d'aspetto, era il più giovane in assoluto tra i Priamidi ed anche quello più veloce nella corsa. Era ancora adolescente quando decise di prendere parte all'ormai decennale difesa della città assediata dai greci, nonostante il parere contrario del padre: ma Polidoro, desideroso com'era di emulare i suoi fratelli, tanto pregò che finì per averla vinta.

La morte

Entrato a combattere con tanto entusiasmo, Polidoro rimase vittima della propria inesperienza; assalito da Achille, tentò di fuggire, confidando nella straordinaria agilità del suo fisico, ma un'asta del Pelide lo trafisse alla schiena.

Bibliografia

Fonti Antiche