Plinio il Vecchio

Versione del 4 lug 2020 alle 09:42 di Ilcrepuscolo (discussione | contributi) (Sostituzione testo - "==Opere==" con "==OPERE==")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Gaio Plinio Secondo (23/24-79 d.C.), detto Plinio il Vecchio, per distinguerlo dal nipote Gaio Plinio Cecilio; storico, scienziato, grammatico; forse il più grande erudito dell'età imperiale. Nato a Como, educato a Roma, entrò verso la metà del I sec. nella carriera equestre e comandò a lungo uno squadrone di cavalleria sul Reno. Tornato in Italia verso il 58, si dedicò a studi retorici e grammaticali. Sotto l'impero di Vespasiano ricoprì importanti funzioni pubbliche e divenne consigliere di Vespasiano e poi di Tito. Preposto alla flotta di capo Miseno, trovò la morte alla fine di agosto nel 79 nella famosa eruzione del Vesuvio: la sua tragica fine ci è narrata con ricchezza di particolari in una lettera (VI, 20) di Plinio il Giovane.

OPERE[modifica]