Pandaro (2)



				

				

Giovane troiano, figlio di Alcanore e fratello di Bizia, col quale aveva in comune la statura gigantesca e un'origine semidivina per parte di madre, che era la ninfa oreade Iera. I due fratelli sopravvissero alla distruzione di Troia e si aggregarono a Enea nelle sue peripezie.

[modifica] La morte

Pandaro e Bizia furono tra i più eroici difensori della cittadella troiana nella guerra italica, ma nulla poterono contro Turno, che uccise prima Bizia e poi Pandaro che era accorso per vendicarlo. Questi ebbe il cranio spaccato a metà da un violentissimo colpo di spada.

 Così dice Turno, e balza in alto levando la spada,
e gli fende a metà la fronte tra le tempie,
e le imberbi mascelle con una vasta ferita.
Si leva un rombo; la terra è percossa dal peso enorme;
morendo Pandaro distese a terra in un crollo le membra
e le armi insanguinate di cervello; in parti uguali
la testa ricadde di qua e di là dall'una e dall'altra spalla

(Virgilio, Eneide)

[modifica] Bibliografia

[modifica] Fonti Antiche