Ofelte (3)



				

				

Giovane della Meonia, uno dei dodici pirati che imbarcarono sulla loro nave Dioniso che aveva preso le sembianze di un giovinetto: quando furono in alto mare cominciò a maltrattarlo insieme ai suoi compagni, tranne Acete (secondo alcuni autori, invece, essi volevano avere rapporti sessuali con lui). Il dio si rivelò allora nel suo vero aspetto, provocando il panico nei pirati che si buttarono in acqua. Dioniso volle salvare loro la vita, trasformandoli in delfini, mentre Acete poté conservare l'aspetto umano. In seguito alla metamorfosi Ofelte e gli altri si ravvedettero completamente dedicando il resto dei loro giorni a salvare i naviganti caduti disgraziatamente in acqua.