Differenze tra le versioni di "Nyx"

Riga 1: Riga 1:
 
{{Voce
 
{{Voce
 
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
|nome originale=-
+
|nome originale=Nύξ, ''Nyx''
 
|altri nomi=-
 
|altri nomi=-
 +
|identificazioni= Nox
 
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 
|etimo=Notte
 
|etimo=Notte
Riga 25: Riga 26:
 
}}
 
}}
  
Nyx (notte) è una delle prime divinità (anche se in una fase così arcaica sarebbe più giusto parlare di personificazioni) della cosmologia greca. Figlia del [[Caos]] primordiale, da cui tutto è derivato, secondo la [[Teogonia]] esiodea.
+
Nyx (notte) è una delle prime divinità (anche se in una fase così arcaica sarebbe più giusto parlare di personificazioni) della cosmologia greca. Figlia del [[Caos]] primordiale, da cui tutto è derivato, secondo la [[Teogonia]] esiodea. Controparte di suo fratello [[Erebo]], divinità dell'oscurità abissale, e contrapposta a sua figlia [[Emera]]. Nelle opere greche e latine viene usata come metafora quando sopraggiunge la notte. I suoi epiteti più diffusi sono la "nera", la "buia".
 
+
==DISCENDENZE==
 +
Secondo [[Esiodo]] è figlia del [[Caos]] mentre [[Igino]] nelle sue ''[[Fabulae]]'' la considera figlia di Caos e [[Calligine]]. Nella cosmogonia orfica invece era figlia di [[Phanes]].
 
==PROGENIE==
 
==PROGENIE==
 
Nella ''[[Teogonia]]'', Esiodo dice che Nyx da sola generò:  
 
Nella ''[[Teogonia]]'', Esiodo dice che Nyx da sola generò:  
Riga 45: Riga 47:
 
* [[Philotes]]
 
* [[Philotes]]
 
* [[Thanatos]]
 
* [[Thanatos]]
Invece insieme ad [[Erebo]] generò [[Ecate]] ed [[Emera]].
+
Invece insieme ad Erebo generò [[Ecate]] ed Emera.
 
Iginio nelle sue ''Fabulae'' le attribuisce più o meno gli stessi figli, però questa volta avuti con Erebo:
 
Iginio nelle sue ''Fabulae'' le attribuisce più o meno gli stessi figli, però questa volta avuti con Erebo:
* Amicitia ([[Philotes]])
+
* Amicitia (Philotes)
* Amor ([[Eros]])
+
* Amor (Eros)
 
* Continentia ([[Sofrosine]])
 
* Continentia ([[Sofrosine]])
* Discordia ([[Eris]])
+
* Discordia (Eris)
 
* Prudentia ([[Epifrone]])
 
* Prudentia ([[Epifrone]])
 
* Le [[Esperidi]]
 
* Le [[Esperidi]]
 
* Letizia ([[Eufrosine]])
 
* Letizia ([[Eufrosine]])
* Fatum ([[Moros]])
+
* Fatum (Moros)
* Letum ([[Ker]])
+
* Letum (Ker)
* Miseria ([[Oizys]])
+
* Miseria (Oizys)
 
* Misericordia ([[Eleos]])
 
* Misericordia ([[Eleos]])
 
* Mors ([[Thanatos]])
 
* Mors ([[Thanatos]])
Riga 62: Riga 64:
 
* Le Parche ([[Moire]])
 
* Le Parche ([[Moire]])
 
* Petulantia ([[Hybris]])
 
* Petulantia ([[Hybris]])
* Senectus ([[Geras]])
+
* Senectus (Geras)
* Somnia ([[Oneiroi]])
+
* Somnia (Oneiroi)
* Somnus ([[Ipnos]])
+
* Somnus (Ipnos)
 
* [[Stige]]
 
* [[Stige]]
 
[[Cicerone]] invece le attribuisce, sempre insieme ad Erebo:
 
[[Cicerone]] invece le attribuisce, sempre insieme ad Erebo:
* Amor ([[Eros]])
+
* Amor (Eros)
 
* Dolus ([[Dolos]])
 
* Dolus ([[Dolos]])
* Le [[Esperidi]]
+
* Le Esperidi
* Fatum ([[Moros]])
+
* Fatum (Moros)
* Fraus ([[Apate]])
+
* Fraus (Apate)
* Gratia ([[Philotes]])
+
* Gratia (Philotes)
* Invidentia ([[Nemesi]])
+
* Invidentia (Nemesi)
 
* Labor ([[Ponos]])
 
* Labor ([[Ponos]])
 
* Metus ([[Fobos]])
 
* Metus ([[Fobos]])
* Miseria ([[Oizys]])
+
* Miseria (Oizys)
 
* Morbus ([[Nosos]])
 
* Morbus ([[Nosos]])
* Mors ([[Thanatos]])
+
* Mors (Thanatos)
* Le parche ([[Moire]])
+
* Le parche (Moire)
* Querella ([[Momos]])
+
* Querella (Momos)
* Senectus ([[Geras]])
+
* Senectus (Geras)
* Somnia (gli [[Oneiroi]])
+
* Somnia (gli Oneiroi)
* Tenebrae ([[Keres]]) Gli orfici la assunsero come dea Madre, Signora dell'Universo prima di essere detronizzata da [[Crono]].
+
* Tenebrae (Keres)  
 +
Gli orfici la assunsero come dea Madre, Signora dell'Universo prima di essere detronizzata da [[Crono]].
  
==DIMORA==
+
==DIMORA E RUOLO==
La sua dimora è collocata nell'estremo occidente, al di là delle [[Colonne d'Eracle]], là dove i Greci ritenevano che il mondo avesse termine e ci fosse solo l'Oscurità (la Notte per l'appunto).
+
La sua dimora è collocata nell'estremo occidente, al di là delle [[Colonne d'Eracle]], là dove i Greci ritenevano che il mondo avesse termine e ci fosse solo l'Oscurità (la Notte per l'appunto). Inoltre nel Tartaro possiede delle case oscure. Il suo ruolo è muoversi insieme a Thanatos e Ipnos in modo alterno rispetto ad Emera e di portare l'Ipnos (il Sonno) agli essere umani.  
  
 
{{Bibliografia}}
 
{{Bibliografia}}

Versione delle 15:32, 21 lug 2020

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: Nύξ, Nyx'
Altri nomi: -
Etimologia: Notte
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: Divinità Superne
Specificità: Divinità della Notte
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Neutrale
Elemento: Terra
Habitat: Cielo
Tematiche: Notte

Nyx (notte) è una delle prime divinità (anche se in una fase così arcaica sarebbe più giusto parlare di personificazioni) della cosmologia greca. Figlia del Caos primordiale, da cui tutto è derivato, secondo la Teogonia esiodea. Controparte di suo fratello Erebo, divinità dell'oscurità abissale, e contrapposta a sua figlia Emera. Nelle opere greche e latine viene usata come metafora quando sopraggiunge la notte. I suoi epiteti più diffusi sono la "nera", la "buia".

DISCENDENZE

Secondo Esiodo è figlia del Caos mentre Igino nelle sue Fabulae la considera figlia di Caos e Calligine. Nella cosmogonia orfica invece era figlia di Phanes.

PROGENIE

Nella Teogonia, Esiodo dice che Nyx da sola generò:

Invece insieme ad Erebo generò Ecate ed Emera. Iginio nelle sue Fabulae le attribuisce più o meno gli stessi figli, però questa volta avuti con Erebo:

Cicerone invece le attribuisce, sempre insieme ad Erebo:

  • Amor (Eros)
  • Dolus (Dolos)
  • Le Esperidi
  • Fatum (Moros)
  • Fraus (Apate)
  • Gratia (Philotes)
  • Invidentia (Nemesi)
  • Labor (Ponos)
  • Metus (Fobos)
  • Miseria (Oizys)
  • Morbus (Nosos)
  • Mors (Thanatos)
  • Le parche (Moire)
  • Querella (Momos)
  • Senectus (Geras)
  • Somnia (gli Oneiroi)
  • Tenebrae (Keres)

Gli orfici la assunsero come dea Madre, Signora dell'Universo prima di essere detronizzata da Crono.

DIMORA E RUOLO

La sua dimora è collocata nell'estremo occidente, al di là delle Colonne d'Eracle, là dove i Greci ritenevano che il mondo avesse termine e ci fosse solo l'Oscurità (la Notte per l'appunto). Inoltre nel Tartaro possiede delle case oscure. Il suo ruolo è muoversi insieme a Thanatos e Ipnos in modo alterno rispetto ad Emera e di portare l'Ipnos (il Sonno) agli essere umani.

BIBLIOGRAFIA

Fonti antiche

Per visualizzare le fonti antiche su Nyx vai a FontiAntiche:Nyx

Fonti moderne

Per visualizzare le fonti moderne su Nyx vai a FontiModerne:Nyx

MUSEO