Nauplio (2)

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
m (Sostituzione testo - 'Categoria:Sovrani' con 'Categoria:Nobili Categoria:Sovrani')
Versione corrente (17:15, 12 nov 2019) (modifica) (annulla)
 
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Umani
 +
|sottotipologia=Nobili
 +
|specificità=Sovrani
 +
|indole=Neutrale
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=[[Elenchi:Suicidio|Suicidio]], [[Elenchi:Vendetta|Vendetta]]
 +
}}
 +
Figlio di [[Clitoneo]], discendente di [[Nauplio (1)|Nauplio]]: fu re dell'[[Eubea]]. In gioventù partecipò all'impresa degli [[Argonauti]].
Figlio di [[Clitoneo]], discendente di [[Nauplio (1)|Nauplio]]: fu re dell'[[Eubea]]. In gioventù partecipò all'impresa degli [[Argonauti]].
<br>Nauplio era solito navigare e aveva così contatti con popolazioni lontane; per questo sia [[Catreo]] sia [[Aleo]] gli affidarono le figlie da vendere come schiave (o per gettarle in mare). [[Catreo]], re di [[Creta]], avendo saputo che sarebbe morto per mano dei suoi discendenti, affidò le figlie [[Erope]] e [[Climene]] a Nauplio perché le portasse via da [[Creta]] (l'altra figlia, [[Apemosine]], e il figlio [[Altemene]] avevano già lasciato l'isola). Erope divenne la moglie di [[Plistene]], o di [[Atreo]], e da lui ebbe [[Agamennone]] e [[Menelao]]; [[Climene]] divenne la moglie di Nauplio e lo rese padre di [[Eace]], [[Palamede]] e [[Nausimedonte]].  
<br>Nauplio era solito navigare e aveva così contatti con popolazioni lontane; per questo sia [[Catreo]] sia [[Aleo]] gli affidarono le figlie da vendere come schiave (o per gettarle in mare). [[Catreo]], re di [[Creta]], avendo saputo che sarebbe morto per mano dei suoi discendenti, affidò le figlie [[Erope]] e [[Climene]] a Nauplio perché le portasse via da [[Creta]] (l'altra figlia, [[Apemosine]], e il figlio [[Altemene]] avevano già lasciato l'isola). Erope divenne la moglie di [[Plistene]], o di [[Atreo]], e da lui ebbe [[Agamennone]] e [[Menelao]]; [[Climene]] divenne la moglie di Nauplio e lo rese padre di [[Eace]], [[Palamede]] e [[Nausimedonte]].  

Versione corrente

SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Nobili
Specificità: Sovrani
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Neutrale
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: Suicidio, Vendetta

Figlio di Clitoneo, discendente di Nauplio: fu re dell'Eubea. In gioventù partecipò all'impresa degli Argonauti.
Nauplio era solito navigare e aveva così contatti con popolazioni lontane; per questo sia Catreo sia Aleo gli affidarono le figlie da vendere come schiave (o per gettarle in mare). Catreo, re di Creta, avendo saputo che sarebbe morto per mano dei suoi discendenti, affidò le figlie Erope e Climene a Nauplio perché le portasse via da Creta (l'altra figlia, Apemosine, e il figlio Altemene avevano già lasciato l'isola). Erope divenne la moglie di Plistene, o di Atreo, e da lui ebbe Agamennone e Menelao; Climene divenne la moglie di Nauplio e lo rese padre di Eace, Palamede e Nausimedonte.
Aleo, re di Tegea, in Arcadia, quando seppe che la figlia Auge aveva partorito, espose sul monte Partenio il bambino, che fu allattato da una cerva, e mandò la figlia dal re Nauplio; questi a sua volta la diede al re della Misia, Teutra, che la sposò. In seguito Telefo, nato da Auge e da Eracle, seguendo le indicazioni dell'oracolo di Delfi, ritrovò la madre in Misia, fu adottato da Teutra e alla morte di questi ereditò il regno.
Quando il figlio Palamede morì lapidato dai Greci, grazie a false prove di tradimento costruite ad arte da Ulisse che si vendicò così di quando Palamede aveva smascherato la falsa pazzia che il re di Itaca aveva inscenato per non partire per la guerra.
Quando Nauplio l'aveva saputo, subito aveva raggiunto l'esercito greco, chiedendo giustizia per il figlio, ma era ripartito senza ottenerla, perché tutti appoggiavano Agamennone, il quale preferì credere al comodo inganno di Ulisse, piuttosto che alla difficile prova di innocenza di Palamede.
Nauplio, allora dedicò la sua vita a vendicare la morte del figlio.
Aveva acceso dei falsi segnali di fuoco sul monte Cafereo, quello che adesso si chiama Silofago, affinché i Greci seguendo quei fuochi, che credevano trattarsi di un porto, si schiantassero sugli scogli.
Inoltre costeggiò tutte le regioni della Grecia, istigando le mogli dei capi greci a tradire i loro mariti assenti: così Clitennestra commise adulterio con Egisto, Egialia (moglie di Diomede) con Comete, e Meda, sposa di Idomeneo, con Leuco.
L'odio di Nauplio si trasmise anche ai suoi figli che accorsero in aiuto di Egisto contro Oreste, ma furono uccisi da Pilade.
Quando Nauplio seppe che Ulisse si era salvato dal naufragio, si uccise.
Nauplio non è nominato nei poemi omerici.

[modifica] Bibliografia

[modifica] Fonti Antiche

  • Apollodoro, Biblioteca, II 1,5 - 7,4; III 2,2