Nandini

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
(Nuova pagina: La Vacca sacra che nella storia della civiltà agricola indiana occupa un posto preponderante sin dalle sue origini. A tutt'oggi nelle vacche randagie delle città si può vedere un ri...)
Riga 4: Riga 4:
[[Categoria:Mitologia Indiana]]
[[Categoria:Mitologia Indiana]]
-
[[Categoria:Vacche]]
+
[[Categoria:Bovini]]

Versione del 21:12, 1 apr 2011

La Vacca sacra che nella storia della civiltà agricola indiana occupa un posto preponderante sin dalle sue origini. A tutt'oggi nelle vacche randagie delle città si può vedere un rimasuglio di culto brahmanico ormai in estinzione. Nandini era sacra anche agli dèi, e persino nei Veda, dove l'animale prende il nome di Aghnya, è menzionata come «quella che non si può uccidere», donde il libero girovagare delle vacche fra la gente e il rispetto di cui loro sono oggetto. Per gli Indiani essa rappresenta la Tradizione, la divina Verità e la Natura benigna, è simbolo del nutrimento e non a caso figura tra le quattordici cose meravigliose nate dal processo del Kurma col nome di Surabhi-Kamadhenu.

Iconografia

Nell'iconografia Nandini viene raffigurato col toro Nandi, cavalcatura di Shiva, anch'essa in veste di protettrice dei quadrupedi servitori di Shiva e di Krishna.