Muzio Scevola

Versione del 20 mar 2011 alle 18:14 di Ilcrepuscolo (discussione | contributi) (Nuova pagina: Leggendario eroe della più antica storia di Roma. Quando Porsenna con i suoi etruschi assediava la città, Muzio entrò nel campo nemico e tentò di uccidere Porsenna. Ma non vi r...)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Leggendario eroe della più antica storia di Roma. Quando Porsenna con i suoi etruschi assediava la città, Muzio entrò nel campo nemico e tentò di uccidere Porsenna. Ma non vi riuscì e fu arrestato dalle guardie. Quando fu portato davanti a Porsenna, Muzio non mostrò paura e parlò al suo nemico in un modo tanto virile che Porsenna ne fu impressionato. Per dimostrare il suo disprezzo per il dolore e la tortura, Muzio mise volontariamente la mano sul fuoco e la lasciò bruciare senza mostrare il minimo segno di debolezza. Porsenna, molto impressionato da questa azione, lo lasciò libero. Da quel momento in poi, Muzio fu soprannominato “Scevola” (mancino).