Differenze tra le versioni di "Medea"

Riga 1: Riga 1:
Celebre maga, figlia di [[Eete]], re della [[Colchide]], e di [[Ecate]]. Quando [[Giasone]] arrivò nella [[Colchide]] a capo degli [[Argonauti]], ella se ne innamorò, e lo aiutò nell'impresa della conquista del [[Vello d'Oro]]. Fuggì poi con lui; inseguita dal padre, per tenerlo a bada tagliò a pezzi il fratellino [[Absirto]], e ne seminò le membra in mare; ciò le permise di fuggire, mentre il padre e i suoi uomini si fermavano a raccattare i miseri resti dell'ucciso, per dargli sepoltura.  
+
Celebre maga, figlia di [[Eete]], re della [[Colchide]], e di [[Ecate]]. Quando [[Giasone]] arrivò nella [[Colchide]] a capo degli [[Argonauti]], ella se ne innamorò, e lo aiutò nell'impresa della conquista del [[vello d'oro]]. Fuggì poi con lui; inseguita dal padre, per tenerlo a bada tagliò a pezzi il fratellino [[Absirto]], e ne seminò le membra in mare; ciò le permise di fuggire, mentre il padre e i suoi uomini si fermavano a raccattare i miseri resti dell'ucciso, per dargli sepoltura.  
 
<br>Ringiovanì [[Esone]] padre di [[Giasone]], e per vendicarsi di [[Pelia]], usurpatore del trono di [[Esone]], lo fece tagliare a pezzi dalle figlie, dando loro ad intendere di volerlo ringiovanire. Per questo fatto il popolo di [[Iolco]] si sollevò, e [[Giasone]] e Medea furono costretti a fuggire a [[Corinto]], dove [[Giasone]] si innamorò di [[Glauce]], figlia del re di Corinto. Allora Medea uccise i propri figli sotto gli occhi del padre, e se ne fuggi ad [[Atene]], dove, purificatasi dal delitto commesso, divenne sposa di [[Egeo]]. Cercò poi di avvelenare il figlio di questi, [[Teseo]].
 
<br>Ringiovanì [[Esone]] padre di [[Giasone]], e per vendicarsi di [[Pelia]], usurpatore del trono di [[Esone]], lo fece tagliare a pezzi dalle figlie, dando loro ad intendere di volerlo ringiovanire. Per questo fatto il popolo di [[Iolco]] si sollevò, e [[Giasone]] e Medea furono costretti a fuggire a [[Corinto]], dove [[Giasone]] si innamorò di [[Glauce]], figlia del re di Corinto. Allora Medea uccise i propri figli sotto gli occhi del padre, e se ne fuggi ad [[Atene]], dove, purificatasi dal delitto commesso, divenne sposa di [[Egeo]]. Cercò poi di avvelenare il figlio di questi, [[Teseo]].
  
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Maghi&Streghe]]
 
[[Categoria:Maghi&Streghe]]

Versione delle 17:34, 17 mar 2011

Celebre maga, figlia di Eete, re della Colchide, e di Ecate. Quando Giasone arrivò nella Colchide a capo degli Argonauti, ella se ne innamorò, e lo aiutò nell'impresa della conquista del vello d'oro. Fuggì poi con lui; inseguita dal padre, per tenerlo a bada tagliò a pezzi il fratellino Absirto, e ne seminò le membra in mare; ciò le permise di fuggire, mentre il padre e i suoi uomini si fermavano a raccattare i miseri resti dell'ucciso, per dargli sepoltura.
Ringiovanì Esone padre di Giasone, e per vendicarsi di Pelia, usurpatore del trono di Esone, lo fece tagliare a pezzi dalle figlie, dando loro ad intendere di volerlo ringiovanire. Per questo fatto il popolo di Iolco si sollevò, e Giasone e Medea furono costretti a fuggire a Corinto, dove Giasone si innamorò di Glauce, figlia del re di Corinto. Allora Medea uccise i propri figli sotto gli occhi del padre, e se ne fuggi ad Atene, dove, purificatasi dal delitto commesso, divenne sposa di Egeo. Cercò poi di avvelenare il figlio di questi, Teseo.