Libro di Taliesin



				

				

Il libro di Taliesin porta il nome del bardo britannico Taliesin (c. 534 – c.599), che fu il primo poeta a scrivere in lingua gallese. Tuttavia, secondo gli studiosi fu scritto nel X secolo. Dato che tutta la poesia era trasmessa oralmente al tempo di Taliesin, un'ipotesi plausibile è che i suoi poemi furono messi per iscritto solo quattro secoli dopo di lui usando le ortografie del tempo. Dei poemi del Libro di Taliesin dodici sono indirizzati a dodici re storici conosciuti quali Cynan Garwyn, re del Powys, e Gwallogap Llaennog dell'Elmet. Otto, tuttavia, sono indirizzati a Urien Rheged. Un poema funebre è indirizzato a Owain, figlio di Urien. Il resto del libro contiene poemi con forti elementi mitologici, religiosi e sciamanici, ma anche elementi più tardi, frutto della realtà di chi mise per iscritto l'opera nel X secolo. Tra questi vale la pena citare l’incredibile Cad Goddeu, ovvero ‘La Battaglia degli Alberi’, divenuta poi parte integrante dello studio di accademici quali Robert Graves, che la analizza profondamente nel suo libro ‘La Dea Bianca, e il Preiddeu Annwfn, poema che narra l’avventura di Re Artù e dei suoi cavalieri volta a conquistare una lancia e un calderone.