Leucaspi

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
(La morte)
(Interpretazioni)
Riga 13: Riga 13:
== Interpretazioni ==
== Interpretazioni ==
Contrariamente a [[Oronte]], nell' ''[[Eneide]]'' il nome di Leucaspi non viene fatto nel passo che descrive la sciagura: non si può però escludere che sia proprio lui il nocchiero della nave dei Lici, di cui Virgilio narra la raccapricciante morte.
Contrariamente a [[Oronte]], nell' ''[[Eneide]]'' il nome di Leucaspi non viene fatto nel passo che descrive la sciagura: non si può però escludere che sia proprio lui il nocchiero della nave dei Lici, di cui Virgilio narra la raccapricciante morte.
 +
<poem> ''Il Noto afferra e travolge tre navi su scogli''
<poem> ''Il Noto afferra e travolge tre navi su scogli''

Versione del 16:16, 26 giu 2016

Giovane licio che seguì il re Sarpedonte nella guerra di Troia in difesa della città assediata: quando questi morì passò sotto il comando di Oronte.

Indice

La morte

Caduta Troia, tutti i Lici superstiti, ad eccezione di Scilaceo, si unirono ad Enea esule nel Mediterraneo. Durante la navigazione una tempesta si abbatté sulla flotta: la nave dei Lici affondò, e solo pochi di essi poterono essere tratti in salvo. Quando Enea discese vivo nel mondo sotterraneo sotto la guida della Sibilla, vide gli spiriti di Leucaspi e Oronte al di fuori dell'Ade, costretti a rimanerne esclusi a causa della mancata sepoltura.


Scorge lì mesti e privi dell'onore della morte
Leucaspi e il condottiero della flotta licia Oronte,
che, mentre navigavano da Troia nel mare ventoso,
l'Austro inabissò insieme, travolgendo in acqua la nave e gli uomini

(Virgilio, Eneide, VI)

Interpretazioni

Contrariamente a Oronte, nell' Eneide il nome di Leucaspi non viene fatto nel passo che descrive la sciagura: non si può però escludere che sia proprio lui il nocchiero della nave dei Lici, di cui Virgilio narra la raccapricciante morte.


 Il Noto afferra e travolge tre navi su scogli
nascosti - rocce tra i flutti, che gli Italici chiamano Are,
immane dorso a fior d'acqua -; tre l'Euro sospinge
dal largo nelle secche delle dune, miserevole vista,
e caccia nei bassifondi e cinge d'un argine di sabbia.
Una, che trasportava i Lici e il fido Oronte,
davanti ai suoi occhi un enorme maroso colpisce
piombando a poppa: il nocchiero è sbalzato e precipita
a capofitto

(Virgilio, Eneide, I)

Bibliografia

Fonti antiche