Leda

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
(Museo)
Riga 16: Riga 16:
* Francesco Melzi, ''Leda'', dipinto.
* Francesco Melzi, ''Leda'', dipinto.
 +
[[Categoria:Mitologia Classica]]
[[Categoria:Mitologia Greca]]
[[Categoria:Mitologia Greca]]
[[Categoria:Europa]]
[[Categoria:Europa]]

Versione del 18:17, 12 dic 2018

Figlia di Testio, re d'Etolia e moglie di Tindaro o Tindareo, re di Sparta. Fu la madre dei Dioscuri, Castore e Polluce, di Clitennestra e di Elena. Figli che concepì quando Zeus, sulle rive del fiume Eurota si unì a lei sotto le sembianze di un cigno, Leda, che a sua volta fu trasformata in oca, depose due uova; da un uovo nacquero Polluce ed Elena, figli immortali di Zeus, e dall'altro Castore e Clitennestra, figli mortali di Tindaro. Secondo una versione più antica, Zeus, sempre nelle vesti di cigno si sarebbe unito a Nemesi, affidando invece a Leda l'educazione dei figli.

Museo


Riferimenti artistici

  • Francesco Melzi, Leda, dipinto.