Lauso

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Riga 2: Riga 2:
== La morte ==
== La morte ==
-
 
Grati a [[Turno]] per la protezione che aveva loro accordato, Lauso e Mezenzio gli garantirono aiuto nella guerra contro i troiani di [[Enea]] sbarcati nel Lazio. Lauso uccise [[Abante]], un guerriero troiano. Quindi si frappose silenziosamente tra [[Enea]] e suo padre, che era rimasto ferito dal capo troiano, permettendogli così di allontanarsi, ma pagò con la vita il suo nobile atto. Enea, commosso per quel sacrificio, restituì personalmente il cadavere del giovane ai suoi seguaci perché ricevesse degna sepoltura.  
Grati a [[Turno]] per la protezione che aveva loro accordato, Lauso e Mezenzio gli garantirono aiuto nella guerra contro i troiani di [[Enea]] sbarcati nel Lazio. Lauso uccise [[Abante]], un guerriero troiano. Quindi si frappose silenziosamente tra [[Enea]] e suo padre, che era rimasto ferito dal capo troiano, permettendogli così di allontanarsi, ma pagò con la vita il suo nobile atto. Enea, commosso per quel sacrificio, restituì personalmente il cadavere del giovane ai suoi seguaci perché ricevesse degna sepoltura.  
 +
 +
== Guerrieri etruschi fedeli a Mezenzio e Lauso==
 +
*[[Cedico]]
 +
*[[Rapone]]
 +
*[[Sacratore]]
 +
*[[Tarquito]]
 +
*[[Valero]]
 +
[[Categoria:Mitologia Romana]]
[[Categoria:Mitologia Romana]]

Versione del 07:49, 22 apr 2011

Bellissimo giovane, figlio di Mezenzio, il tiranno etrusco di Caere; fu cacciato insieme al padre dai sudditi. Si rifugiarono presso Turno con i pochi uomini rimasti a loro fedeli. Persona estremamente schiva e silenziosa, l'esatto contrario del padre, amava cacciare e prendersi cura dei cavalli.

La morte

Grati a Turno per la protezione che aveva loro accordato, Lauso e Mezenzio gli garantirono aiuto nella guerra contro i troiani di Enea sbarcati nel Lazio. Lauso uccise Abante, un guerriero troiano. Quindi si frappose silenziosamente tra Enea e suo padre, che era rimasto ferito dal capo troiano, permettendogli così di allontanarsi, ma pagò con la vita il suo nobile atto. Enea, commosso per quel sacrificio, restituì personalmente il cadavere del giovane ai suoi seguaci perché ricevesse degna sepoltura.

Guerrieri etruschi fedeli a Mezenzio e Lauso