Lasa

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Riga 1: Riga 1:
Divinità femminili, per lo più alate, e con grandi occhi sulle ali, spesso adornate di ricchi monili e fornite di specchio e ghirlande. Il nome è stato accostato alla radice las o lar, da cui [[Lari]], ma è oggi ritenuto di esclusiva origine etrusca. Non è chiara la funzione di questi esseri e neppure il loro numero. Come per [[Charun]] sembra essere esistita una primitiva divinità personale che poi divenne una intera categoria di esseri. Di alcune Lase conosciamo anche i nomi propri: per esempio [[Acaviser]], [[Alpan]] ed [[Evan]]. La prima sembra aver fatto parte del seguito della dea dell'amore [[Turan]]; la seconda era una patrona dell'arte, ma anche una divinità dell'oltretomba; la terza, dal sesso incerto, ora maschile, ora femminile, era una personificazione dell'immortalità dell'anima.
Divinità femminili, per lo più alate, e con grandi occhi sulle ali, spesso adornate di ricchi monili e fornite di specchio e ghirlande. Il nome è stato accostato alla radice las o lar, da cui [[Lari]], ma è oggi ritenuto di esclusiva origine etrusca. Non è chiara la funzione di questi esseri e neppure il loro numero. Come per [[Charun]] sembra essere esistita una primitiva divinità personale che poi divenne una intera categoria di esseri. Di alcune Lase conosciamo anche i nomi propri: per esempio [[Acaviser]], [[Alpan]] ed [[Evan]]. La prima sembra aver fatto parte del seguito della dea dell'amore [[Turan]]; la seconda era una patrona dell'arte, ma anche una divinità dell'oltretomba; la terza, dal sesso incerto, ora maschile, ora femminile, era una personificazione dell'immortalità dell'anima.
 +
[[Categoria:Mitologia Classica]]
[[Categoria:Mitologia Etrusca]]
[[Categoria:Mitologia Etrusca]]
[[Categoria:Europa]]
[[Categoria:Europa]]

Versione del 18:46, 12 dic 2018

Divinità femminili, per lo più alate, e con grandi occhi sulle ali, spesso adornate di ricchi monili e fornite di specchio e ghirlande. Il nome è stato accostato alla radice las o lar, da cui Lari, ma è oggi ritenuto di esclusiva origine etrusca. Non è chiara la funzione di questi esseri e neppure il loro numero. Come per Charun sembra essere esistita una primitiva divinità personale che poi divenne una intera categoria di esseri. Di alcune Lase conosciamo anche i nomi propri: per esempio Acaviser, Alpan ed Evan. La prima sembra aver fatto parte del seguito della dea dell'amore Turan; la seconda era una patrona dell'arte, ma anche una divinità dell'oltretomba; la terza, dal sesso incerto, ora maschile, ora femminile, era una personificazione dell'immortalità dell'anima.