Lamia

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Versione corrente (16:19, 31 mar 2020) (modifica) (annulla)
 
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Femmina
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Creature Fantastiche
 +
|sottotipologia=Non Morti
 +
|specificità=Vampiri
 +
|sub=-
 +
|indole=Malevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=Terra
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=[[Elenchi:Infanticidio|Infanticidio]], [[Elenchi:Metamorfosi|Metamorfosi]]
 +
}}
 +
Fanciulla libica, figlia di [[Poseidone]], amata da [[Zeus]], e più volte resa incinta dal dio, ma che mai aveva avuto la gioia di divenire madre, perché tutti i neonati erano rapiti ed uccisi dalla gelosissima [[Era]]. La fanciulla era stata quindi mutata in una sorta di fantasma che rapiva i figli altrui, trucidandoli. Resa insonne da [[Era]], [[Zeus]] le aveva concesso la facoltà di potersi mettere e togliere gli occhi e di assumere qualsiasi sembianza.  
Fanciulla libica, figlia di [[Poseidone]], amata da [[Zeus]], e più volte resa incinta dal dio, ma che mai aveva avuto la gioia di divenire madre, perché tutti i neonati erano rapiti ed uccisi dalla gelosissima [[Era]]. La fanciulla era stata quindi mutata in una sorta di fantasma che rapiva i figli altrui, trucidandoli. Resa insonne da [[Era]], [[Zeus]] le aveva concesso la facoltà di potersi mettere e togliere gli occhi e di assumere qualsiasi sembianza.  
<br>Nel tempo il nome Lamia (da ''lamos'', gola, fauci) diventa il nome generico di alcuni spiriti persecutori affini agli [[incubi]] che soffocano le loro vittime nel sonno, cavalcandole sul petto. Perso il carattere personale la Lamia diviene sempre più orrida e selvatica; a volte assume tratti androgini, capacità di metamorfosi, risvolti scurrili e, sempre, una insaziabile sete di sangue.
<br>Nel tempo il nome Lamia (da ''lamos'', gola, fauci) diventa il nome generico di alcuni spiriti persecutori affini agli [[incubi]] che soffocano le loro vittime nel sonno, cavalcandole sul petto. Perso il carattere personale la Lamia diviene sempre più orrida e selvatica; a volte assume tratti androgini, capacità di metamorfosi, risvolti scurrili e, sempre, una insaziabile sete di sangue.

Versione corrente