Differenze tra le versioni di "Kura"

Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:noimage.jpg|200px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Femmina
 +
|sezione=Mitologia Oceanica
 +
|continente=Oceania
 +
|area=Oceania Lontana
 +
|paese=Isole Cook
 +
|origine=Polinesiani
 +
|tipologia=Divinità
 +
|sottotipologia=Divinità Superne
 +
|specificità=Divinità dell'Alba
 +
|indole=Benevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=Terra
 +
|habitat=Sottosuolo
 +
|ambiti=-
 +
}}
 +
 
Assieme a [[Eneene]] formava una leggendaria coppia di sposi, molto popolare fra le tribù delle isole Cook (Polinesia). Dimoravano nell'Isola Sacra, posta alla sommità dell'[[Avaiki]], mondo sotterraneo. Un giorno, mentre Kura coglieva fiori da un albero meraviglioso che affondava le sue radici nel mondo degli spiriti, il ramo centrale si spezzò e la donna col suo cesto cadde, si aprì una voragine ed ella precipitò nell'[[Avaiki]]. Per riavere la moglie, sottratta a lui così improvvisamente, Eneene si avventurò nel mondo delle ombre, vi colse delle noci di cocco, che triturò finemente e poi sparse in abbondanza intorno alla capanna dove Kura era rinchiusa. Attratti dal succulento cibo, gli animali famelici di quel mondo accorsero a centinaia, stornando la sorveglianza dei guardiani, di modo che Eneene potè liberare la sua sposa e con lei arrampicarsi sulle radici dell'albero sacro fino a raggiungere il foro d'apertura e, finalmente, la loro Isola Sacra.
 
Assieme a [[Eneene]] formava una leggendaria coppia di sposi, molto popolare fra le tribù delle isole Cook (Polinesia). Dimoravano nell'Isola Sacra, posta alla sommità dell'[[Avaiki]], mondo sotterraneo. Un giorno, mentre Kura coglieva fiori da un albero meraviglioso che affondava le sue radici nel mondo degli spiriti, il ramo centrale si spezzò e la donna col suo cesto cadde, si aprì una voragine ed ella precipitò nell'[[Avaiki]]. Per riavere la moglie, sottratta a lui così improvvisamente, Eneene si avventurò nel mondo delle ombre, vi colse delle noci di cocco, che triturò finemente e poi sparse in abbondanza intorno alla capanna dove Kura era rinchiusa. Attratti dal succulento cibo, gli animali famelici di quel mondo accorsero a centinaia, stornando la sorveglianza dei guardiani, di modo che Eneene potè liberare la sua sposa e con lei arrampicarsi sulle radici dell'albero sacro fino a raggiungere il foro d'apertura e, finalmente, la loro Isola Sacra.
  
Riga 9: Riga 34:
 
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
 
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
 
[[Categoria:Indole: Benevola]]
 
[[Categoria:Indole: Benevola]]
[[Categoria:Elemento: Non specificato]]
+
[[Categoria:Elemento: Terra]]
 
[[Categoria:Habitat: Sottosuolo]]
 
[[Categoria:Habitat: Sottosuolo]]

Versione delle 16:35, 8 mar 2020

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Oceanica
Continente: Oceania
Area: Oceania Lontana
Paese: Isole Cook
Popolo/Regione: Polinesiani
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: Divinità Superne
Specificità: Divinità dell'Alba
Subspecifica: [[:Elenchi:{{{sub}}}|{{{sub}}}]]
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: Terra
Habitat: Sottosuolo
Tematiche: -

Assieme a Eneene formava una leggendaria coppia di sposi, molto popolare fra le tribù delle isole Cook (Polinesia). Dimoravano nell'Isola Sacra, posta alla sommità dell'Avaiki, mondo sotterraneo. Un giorno, mentre Kura coglieva fiori da un albero meraviglioso che affondava le sue radici nel mondo degli spiriti, il ramo centrale si spezzò e la donna col suo cesto cadde, si aprì una voragine ed ella precipitò nell'Avaiki. Per riavere la moglie, sottratta a lui così improvvisamente, Eneene si avventurò nel mondo delle ombre, vi colse delle noci di cocco, che triturò finemente e poi sparse in abbondanza intorno alla capanna dove Kura era rinchiusa. Attratti dal succulento cibo, gli animali famelici di quel mondo accorsero a centinaia, stornando la sorveglianza dei guardiani, di modo che Eneene potè liberare la sua sposa e con lei arrampicarsi sulle radici dell'albero sacro fino a raggiungere il foro d'apertura e, finalmente, la loro Isola Sacra.