Kono-Hana-Sakuya-Hime

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
m (Sostituzione testo - 'Categoria:Principi' con 'Categoria:Nobili Categoria:Principi')
Versione corrente (09:21, 31 dic 2019) (modifica) (annulla)
 
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=principessa luminosa come l'albero fiorito
 +
|sesso=Femmina
 +
|sezione=Mitologia Orientale
 +
|continente=Asia
 +
|area=Estremo Oriente
 +
|paese=Giappone
 +
|origine=Shintoisti
 +
|tipologia=Divinità
 +
|sottotipologia=-
 +
|specificità=-
 +
|indole=Benevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=Terra
 +
|habitat=Cielo
 +
|ambiti=-
 +
}}
 +
Il nome significa «Principessa luminosa come l'albero fiorito». È figlia del dio della montagna [[Oho-Yama]]. Sposa di [[Ninigi]] dal quale ebbe i gemelli [[Ho-Deri]] e [[Hoho-Demi]]. Lo incontrò sulla spiaggia e si innamorarono. [[Ninigi]] chiese a [[Oho-Yama]] la mano della figlia, ma il dio della montagna gli propose di sposare invece la propria figlia maggiore, [[Iha-Naga]] (“Eterna Principessa”). [[Ninigi]] scelse Kono-Hana. Poiché il marito sospettava della sua fedeltà, Kono-Hana-Sakuya-Hime sottopose i due gemelli appena nati alla prova del fuoco; se non fossero stati figli di [[Ninigi]] il fuoco li avrebbe inceneriti, ma poiché essi uscirono incolumi dalla tremenda prova, [[Ninigi]] si rasserenò e i due piccini divennero due famose divinità della Caccia e della Pesca. Nella mitologia giapponese la dea Kono-Hana-Sakuya-Hime occupa un posto di primo piano in qualità di divinità cui è affidata la sacra montagna del [[Fujiyama]]. Viene sempre rappresentata con il ramo fiorito dell'albero sacro nella mano sinistra e Io specchio nella destra. Per i Giapponesi lo specchio è il simbolo solare più elevato in quanto emblema della grande dea [[Amaterasu]], oltreché espressione di chiarezza e di sincerità d'animo.
Il nome significa «Principessa luminosa come l'albero fiorito». È figlia del dio della montagna [[Oho-Yama]]. Sposa di [[Ninigi]] dal quale ebbe i gemelli [[Ho-Deri]] e [[Hoho-Demi]]. Lo incontrò sulla spiaggia e si innamorarono. [[Ninigi]] chiese a [[Oho-Yama]] la mano della figlia, ma il dio della montagna gli propose di sposare invece la propria figlia maggiore, [[Iha-Naga]] (“Eterna Principessa”). [[Ninigi]] scelse Kono-Hana. Poiché il marito sospettava della sua fedeltà, Kono-Hana-Sakuya-Hime sottopose i due gemelli appena nati alla prova del fuoco; se non fossero stati figli di [[Ninigi]] il fuoco li avrebbe inceneriti, ma poiché essi uscirono incolumi dalla tremenda prova, [[Ninigi]] si rasserenò e i due piccini divennero due famose divinità della Caccia e della Pesca. Nella mitologia giapponese la dea Kono-Hana-Sakuya-Hime occupa un posto di primo piano in qualità di divinità cui è affidata la sacra montagna del [[Fujiyama]]. Viene sempre rappresentata con il ramo fiorito dell'albero sacro nella mano sinistra e Io specchio nella destra. Per i Giapponesi lo specchio è il simbolo solare più elevato in quanto emblema della grande dea [[Amaterasu]], oltreché espressione di chiarezza e di sincerità d'animo.
Riga 10: Riga 35:
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
[[Categoria:Indole: Benevola]]
[[Categoria:Indole: Benevola]]
-
[[Categoria:Elemento: Non specificato]]
+
[[Categoria:Elemento: Terra]]
[[Categoria:Habitat: Cielo]]
[[Categoria:Habitat: Cielo]]
[[Categoria:Nobili]]
[[Categoria:Nobili]]
[[Categoria:Principi]]
[[Categoria:Principi]]

Versione corrente

SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: principessa luminosa come l'albero fiorito
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Orientale
Continente: Asia
Area: Estremo Oriente
Paese: Giappone
Popolo/Regione: Shintoisti
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: -
Specificità: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: Terra
Habitat: Cielo
Tematiche: -

Il nome significa «Principessa luminosa come l'albero fiorito». È figlia del dio della montagna Oho-Yama. Sposa di Ninigi dal quale ebbe i gemelli Ho-Deri e Hoho-Demi. Lo incontrò sulla spiaggia e si innamorarono. Ninigi chiese a Oho-Yama la mano della figlia, ma il dio della montagna gli propose di sposare invece la propria figlia maggiore, Iha-Naga (“Eterna Principessa”). Ninigi scelse Kono-Hana. Poiché il marito sospettava della sua fedeltà, Kono-Hana-Sakuya-Hime sottopose i due gemelli appena nati alla prova del fuoco; se non fossero stati figli di Ninigi il fuoco li avrebbe inceneriti, ma poiché essi uscirono incolumi dalla tremenda prova, Ninigi si rasserenò e i due piccini divennero due famose divinità della Caccia e della Pesca. Nella mitologia giapponese la dea Kono-Hana-Sakuya-Hime occupa un posto di primo piano in qualità di divinità cui è affidata la sacra montagna del Fujiyama. Viene sempre rappresentata con il ramo fiorito dell'albero sacro nella mano sinistra e Io specchio nella destra. Per i Giapponesi lo specchio è il simbolo solare più elevato in quanto emblema della grande dea Amaterasu, oltreché espressione di chiarezza e di sincerità d'animo.