Ipsipile

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Versione corrente (17:57, 24 ott 2019) (modifica) (annulla)
m (Sostituzione testo - 'Categoria:Pietas' con 'Categoria:Pietà')
 
Riga 42: Riga 42:
[[Categoria:Schiavi]]
[[Categoria:Schiavi]]
[[Categoria:Amori]]
[[Categoria:Amori]]
-
[[Categoria:Pietas]]
+
[[Categoria:Pietà]]
[[Categoria:Sesso: Femmina]]
[[Categoria:Sesso: Femmina]]
[[Categoria:Indole: Benevola]]
[[Categoria:Indole: Benevola]]
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]

Versione corrente

SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: Issipile
Etimologia: -
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Nobili
Specificità: Sovrani
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: -

Chiamata anche Issipile era figlia di Toante e Mirina; fu regina di Lemno nel periodo in cui vi approdarono gli Argonauti, che furono da lei bene accolti. Da Giasone ebbe due figli: Toante ed Euneo. Le donne dell'isola di Lemno, essendosi accorte che i loro uomini erano infedeli, decisero di ucciderli tutti. E così fecero. Soltanto Ipsipile salvò suo padre, ma poi per evitare il furore delle altre donne, dovette fuggire. Caduta nelle mani di pirati fu venduta come schiava a Licurgo, re di Nemea, che le diede in custodia il piccolo Archemoro. Essendo stato costui divorato da un serpente, Ipsipile fu messa in prigione, venendo poi liberata dai figli.

Indice

[modifica] Bibliografia

[modifica] Fonti antiche

Per visualizzare le fonti antiche su Ipsipile vai a FontiAntiche:Ipsipile

[modifica] Fonti moderne

Per visualizzare le fonti moderne su Ipsipile vai a FontiModerne:Ipsipile

[modifica] Riferimenti letterari

[modifica] La figura di Ipsipile nella letteratura postclassica

  • Giovanni Boccaccio, De mulieribus claris, raccolta di biografie.