Immagine:Pittore di Arkesilas - Prometeo e Atlante (560-50 a.C.).jpg



				

				
SCHEDA
Autore: Pittore di Arkesilas
Nazione: Grecia
Titolo: Prometeo e Atlante
Periodo: Arte Antica
Stile: Classico
Datazione: 560-50 a.C.
Tipologia: Ceramica
Tecnica: Ceramica a figure nere
Ubicazione: Musei Vaticani, Città del Vaticano
Descrizione: La coppa laconica, databile intorno al 560-550 a. C. e conservata al Museo Gregoriano Etrusco, è attribuita al pittore di Arkesilas. La scena, che occupa l’intero catino in un accentuato primo piano, è divisa equamente dai due fratelli Titani, Prometeo e Atlante, ciascuno rappresentato nel momento cruciale del proprio supplizio. Il primo infatti, sulla destra, è avvinto strettamente, collo, mani e piedi, ad una colonna dorica; le gambe piegate fanno sì che il corpo nudo si presenti inarcato, quasi offerto all’aquila che lo tortura: il becco dell’animale è posto all’altezza del fegato da cui stillano delle gocce di sangue che formano una pozza sul terreno. Questa postura è tipica della tradizione laconica che presenta dei caratteri autonomi: Prometeo infatti è in una posizione quasi distesa, e non accovacciata come si trova generalmente (Cfr. scheda opera 02). Atlante invece è rappresentato nudo, con la schiena incurvata dal peso di un masso decorato con delle stelle che sostiene sulle spalle, allusivo alla volta celeste; il grande sforzo da lui compiuto è sottolineato dal gesto della mano sinistra poggiata sulla schiena. I due fratelli inoltre sono rappresentati con i capelli molto lunghi, ad indicare un supplizio che dura da tempo immemore e per questo attributo tradizionale, insieme alla barba, nelle scene di castigo del Titano. Il fatto che Prometeo sia qui raffigurato imberbe può essere spiegato dalla volontà dell’artista di indicarlo come il minore di età tra i due. Alle spalle di Atlante si trova un serpente che è stato interpretato in diverse maniere: come allusione ad una sorte avversa condivisa dai due fratelli, come indicazione topografica del luogo del supplizio o infine come riferimento all’impresa del giardino delle Esperidi di Eracle, a seguito della quale Prometeo viene liberato dall’eroe. Al di sotto, la linea del suolo è sorretta da una colonna dorica ornata ai lati da fiori di loto stilizzati, probabilmente un riferimento alle teorie sulla piattezza della Terra di Anassimandro di Mileto; potrebbe anche trattarsi di un’allusione alla colonna sostenuta da Atlante secondo una variante del mito o un ulteriore rimando a quella di Prometeo rappresentata al di sopra (Gisler, 1994). L’iconografia della coppa è estremamente rara proprio per l’accostamento dei due fratelli nel supplizio che, oltre a risalire ad Esiodo che nella Teogonia ricorda i diversi supplizi dei fratelli di Prometeo prima di introdurre le vicende di quest’ultimo, potrebbe essere portatore di un ulteriore significato. I due infatti sono collocati nei punti estremi della Terra, Atlante ad Occidente e Prometeo ad Oriente e ne segnano quindi i confini, ma sostengono anche la volta celeste; è stato notato infatti come una linea continua si spieghi dal masso sostenuto da Atlante fino a dietro la testa di Prometeo. Inoltre il particolare della colonna a cui è avvinto Prometeo è stato ricondotto alla Teogonia di Esiodo in cui si legge che il Titano fu legato da lacci indissolubili nel mezzo di una colonna e proprio questa fonte stabilisce per prima il ruolo di separatore dei due ambiti, terrestre e divino, per mezzo dell’inganno della spartizione del bue, per poi in un certo senso riunirli, o almeno creare una comunicazione, attraverso l’istituzione del sacrificio rituale (Dobrowolski, 1991, pp. 1221-1227).
Sezione: Mitologia Greca
Tag: Prometeo, Atlante (1)


ESPLORA IL MUSEO
Vai nella Hall Mitologie Artisti Periodi Tipologie Collezioni

Cronologia del file

Fare clic su un gruppo data/ora per vedere il file come si presentava nel momento indicato.

Data/OraDimensioniUtenteOggetto
corrente11:34, 14 apr 20171.280×987 (247 KB)Ilcrepuscolo (discussione | contributi) ({{Museo |anagrafica=SCHEDA |autore=Pittore di Arkesilas |nazione=Grecia |stile=Classico |titolo=Prometeo e Atlante |tipologia=Ceramica |tecnica=Ceramica a figure nere |periodo= Arte Antica |datazione=560-50 a.C. |ubicazione=Musei Vaticani, Città del Vati)

Le seguenti 2 pagine contengono collegamenti all'immagine: