Grillo

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Riga 3: Riga 3:
== La morte ==
== La morte ==
-
Grillo una notte fa baldoria coi commilitoni [[Andropono]] e [[Conrado]]: il giovane moro [[Cloridano]], entrato di sorpresa nella loro tenda alla ricerca del corpo di [[Dardinello]], il suo signore ucciso in battaglia, sorprende i tre nemici ormai riversi sul terreno, nel loro sonno di ubriachi. A Grillo, che in quel momento sta sognando di bere, Cloridano taglia la testa con la spada: il sogno del guerriero si protrae ancora per qualche secondo, nonostante la testa sia già stata separata dal busto. Grillo viene decapitato nel sonno in circostanze analoghe a quelle che vedono soccombere il virgiliano [[Serrano]], vittima di [[Niso (1)|Niso]]: entrambi vengono infatti domati dal vino, che però a Grillo conferisce tratti bestiali, mentre nel giovinetto rutulo fa prevalere piuttosto un che di infantile.
+
Grillo una notte fa baldoria coi commilitoni [[Andropono]] e [[Conrado]]: il giovane moro [[Cloridano]], entrato di sorpresa nella loro tenda alla ricerca del corpo di [[Dardinello]], il suo signore ucciso in battaglia, sorprende i tre nemici ormai riversi sul terreno, nel loro sonno di ubriachi. A Grillo, che in quel momento sta sognando di bere, Cloridano taglia la testa con la spada: il sogno del guerriero si protrae ancora per qualche secondo, nonostante la testa sia già stata separata dal busto.
 +
 
 +
== Interpretazione ==
 +
Grillo viene decapitato nel sonno in circostanze analoghe a quelle che vedono soccombere il virgiliano [[Serrano]], vittima di [[Niso (1)|Niso]]: entrambi vengono infatti domati dal vino, che però a Grillo conferisce tratti bestiali, mentre nel giovinetto rutulo fa prevalere piuttosto un che di infantile.
==Fonti==
==Fonti==

Versione del 16:41, 28 apr 2011

Guerriero cristiano, come narra l'Orlando Furioso, dell'esercito di Carlo Magno assediato in Parigi dai saraceni: non è nota la sua terra d'origine.

La morte

Grillo una notte fa baldoria coi commilitoni Andropono e Conrado: il giovane moro Cloridano, entrato di sorpresa nella loro tenda alla ricerca del corpo di Dardinello, il suo signore ucciso in battaglia, sorprende i tre nemici ormai riversi sul terreno, nel loro sonno di ubriachi. A Grillo, che in quel momento sta sognando di bere, Cloridano taglia la testa con la spada: il sogno del guerriero si protrae ancora per qualche secondo, nonostante la testa sia già stata separata dal busto.

Interpretazione

Grillo viene decapitato nel sonno in circostanze analoghe a quelle che vedono soccombere il virgiliano Serrano, vittima di Niso: entrambi vengono infatti domati dal vino, che però a Grillo conferisce tratti bestiali, mentre nel giovinetto rutulo fa prevalere piuttosto un che di infantile.

Fonti