Gialandhara

Versione del 22 mar 2020 alle 13:01 di Ilcrepuscolo (discussione | contributi) (Sostituzione testo - '|specificità=-' con '|specificità=- |sub=-')
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Indo-Iranica
Continente: Asia
Area: Asia Meridionale
Paese: India
Popolo/Regione: Hindu
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: -
Specificità: -
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Malevola
Elemento: Acqua
Habitat: Cielo
Tematiche: Decapitazione

Figlio della dea-fiume Ganga e del Grande Oceano, accoppiatisi per volontà del dio Shiva. Ammirato della forza sovrumana di Gialandhara, il dio Brahma non esitò a concedergli in dono la facoltà di vincere gli dèi e di resuscitare i morti. Astuto e terribile, approfittò del suo potere e scacciò gli dèi dal cielo, ma dopo un alternarsi di guerre e di armistizi il tiranno alla fine fu vinto dal dio Shiva che gli mozzò il capo; le dee, smaniose di vendicarsi degli affronti subiti, si tramutarono in streghe e piombarono su Gialandhara per succhiargli il sangue.